XV premio letterario “Il Viandante”: i vincitori

    102

    MAGENTA – La cerimonia di premiazione dei vincitori della XV edizione del premio letterario ‘Il Viandante’, svoltasi sabato sera in Casa Giacobbe, si è aperta con l’intervento di  Rita Sozzi: giovane insegnante, autrice del libro ‘Ciao mamma, vado a Mosca in bici ‘(ed.   La Memoria del Mondo), ma, soprattutto, una straordinaria viaggiatrice sulle due ruote, che ha fatto alla nutrita platea una sintesi, accompagnata dalla  proiezione di fotografie, dell’ultimo viaggio compiuto pedalando, la scorsa estate, dall’Iran al Kazakistan. Al suo entusiastico racconto è seguita la consegna dei premi ai primi classificati nelle tre sezioni in cui si articola il Concorso  a cura di Academia Peregrini.

     

     

    Per la sezione Scuola si sono classificati ex aequo tre autori di soli otto anni: Margherita  Bornacina (‘La mia vacanza con il terribile coniglio Von Rimmentrop’), Matteo Colombo (‘Un viaggio in montagna’)  e Federica Crespi (‘Tanti viaggi nei taschini delle borse’). La Poesia ha visto al primo posto Enrico Sala (‘Le mie Scarpe’), seguito da Fabrizio Bregoli (‘Terra di pianura’) e da Davide Cattaneo (‘Una meta porto nel cuore’). Il primo premio per la Narrativa è andato a Roberto Bosio (‘Sulle sponde del fiume Don’), il secondo a Roberta Pianta (‘Ti chiamerò’), il terzo a Maria Adele Ferrè (‘Un piccolo Mosè’).  A presentare la serata insieme a Tino Malini, che ha colto l’occasione di sottolineare la valenza dello scrivere e sollecitato la partecipazione a iniziative quali il premio letterario in questione, c’era il presidente della Pro Loco Pietro Pierrettori. La lettura dei testi è stata affidata alla splendida voce di Sara Cicenia,  membro della Giuria insieme a Raffaella Gaviani, Marinella Mantovani, Alba Passarella, Enrica Vignati, Olga Maerna, Giulia Radice e Martina Corbetta. Al termine della serata buffet offerto da Cascina Bullona.

    Franca Galeazzi

    Articolo precedenteBusto Garolfo, la BCC sventa truffe ad anziana e una rapina
    Articolo successivoMagenta e il degrado di via Fucini (zona Iper): la denuncia di un lettore