Voltura Luce e Gas di Enel Energia

    219

    Voltura Luce e Gas di Enel Energia: cosa è e come richiedere i servizi

    Dopo un acquisto di una casa o dopo l’affitto di una nuova abitazione, ci si trova a dover richiedere il
    cambio d’intestatario delle forniture di luce e gas. Un’operazione che viene detta voltura. In questa guida
    vi spiegheremo come richiedere la voltura di luce e gas a Enel Energia: il fornitore leader in Italia. Iniziamo con il comprendere se la voltura è proprio ciò di cui abbiamo bisogno.
    Voltura o subentro? Ecco qual è la differenza
    Quando c’è bisogno di cambiare intestatario delle bollette, ci si trova davanti all’alternativa: voltura o
    subentro? Per comprendere quale tra queste procedure deve essere seguita, basta accendere una luce e
    un fornello della cucina.
     La luce e il fornello si accendono: significa che la fornitura non è stata interrotta. I contatori
    continuano a erogare. Si dovrà richiedere la voltura del contratto.
     La luce e il fornello non si accendono: a meno che non siano stati spenti gli interruttori generali
    (nel quadro elettrico) o sia stata chiusa la valvola principale del gas, allora significa che l’inquilino
    precedente ha chiuso i contratti con il fornitore. Si dovrà richiedere il subentro.
    Qui ci occuperemo del primo caso: il semplice cambio di titolare del contratto luce e gas. Per approfondire
    sull’argomento consigliamo la guida dettagliata alla voltura di luce e gas di Enel Energia della redazione di
    ComparaSemplice.it.

    Enel Energia è il fornitore giusto?
    La seconda domanda da porsi riguarda il fornitore attivo. Una problematica che riguarda solo i casi in cui
    non ci siano stati contatti con l’inquilino precedente, che dovrebbe fornire una delle ultime bollette
    emesse (fonte di importanti informazioni).
    Nel caso in cui non si avessero a disposizione le vecchie fatture dell’energia elettrica e del gas, come capire
    chi è il fornitore al quale rivolgersi? Per sapere se Enel Energia è effettivamente l’operatore luce e gas al
    quale rivolgersi, si può procedere per due strade:
     Contattare lo Sportello del Consumatore: è senza dubbio la via più indicata. Lo Sportello del
    Consumatore è contattabile al numero verde 800 166 654 o attraverso il sito web del servizio
    gratuito dell’ARERA.

     Contattare il distributore di zona: il distributore è l’azienda che si occupa di far arrivare l’energia
    elettrica e il metano erogato dai fornitori fino alle case dei clienti finali. I distributori lavorano su
    base geografica e non sono scelti dal cliente finale. Per sapere qual è il distributore dell’area
    d’interesse e quali sono i suoi contatti, è possibile utilizzare il servizio online dell’ARERA.
    Una volta individuato il fornitore, sarà necessario contattarne il servizio clienti per richiedere la voltura del contratto luce, del contratto gas o di entrambi.

    Come contattare Enel Energia per la voltura di luce e gas
    Per entrare in contatto con il servizio commerciale di Enel Energia, c’è solo l’imbarazzo della scelta.
    Per chi preferisce il telefono, c’è il numero verde 800 900 860 (attivo dal lunedì alla domenica, dalle 7:00
    alle 22:00, festivi esclusi). Chi volesse recarsi presso un Punto Enel, trova l’elenco dei negozi fisici distribuiti
    sul territorio qui.
    Partendo dal sito di Enel Energia è possibile anche utilizzare altri canali di contatto, come il servizio di recall
    (si lascia il numero e saranno gli operatori Enel a richiamare) o la live chat.
    A Enel si potrà provare a chiedere anche due codici importanti per la voltura, così come per ogni altra
    operazione relativa ai contratti di fornitura luce e gas: il POD e il PDR. Si tratta dei due numeri identificativi
    dell’utenza. Il POD (Point of delivery) identifica univocamente l’utenza luce, il PDR (Punto di riconsegna)
    identifica l’utenza del gas. In alternativa, il POD può essere reperito utilizzando l’apposita funzione di alcuni
    contatori elettronici di ultima generazione. Si tratta di codici che non variano anche al variare dei contratti,
    dei titolari o dei fornitori. Da non confondere con il Numero Cliente che, invece, è il numero assegnato al
    cliente specifico e varia con il contratto e il fornitore.
    Prima di contattare il fornitore, però, consigliamo di tenere a portata di mano tutta la documentazione
    necessaria a effettuare la voltura di luce e gas.
    Richiesta di voltura: documenti e informazioni necessarie
    Per richiedere il cambio di intestazione di un contratto è necessario fornire a Enel alcune informazioni. Alla
    richiesta di voltura luce e gas, si dovranno comunicare:
     Il codice fiscale del nuovo intestatario
     Il codice POD o PDR (qualora non si fosse riusciti a reperirli in altro modo, chiedete consiglio
    all’operatore di Enel)
     La lettura dei contatori
    Al termine della procedura di richiesta, Enel invierà il contratto (anche in digitale) e della modulistica da
    compilare.
    Quanto costa la voltura di luce e gas con Enel
    Per quanto riguarda i costi di una voltura, c’è da fare una distinzione tra luce e gas. Infatti, mentre i
    corrispettivi e gli oneri da versare per la voltura luce sono definiti a livello nazionale dall’ARERA, per
    quanto riguarda il gas, gli oneri amministrativi dipendono dal distributore competente della zona.
    Si può dire, dunque, che la voltura della fornitura elettrica ha un costo di 49,13 euro (23 euro di
    corrispettivi commerciali, 26,13 di oneri amministrativi).
    I costi della voltura di gas sono composti dai corrispettivi commerciali validi su tutto il territorio nazionale (23 euro) e dagli oneri amministrativi variabili da zona a zona (orientativamente compresi tra i 30 e i 45 euro).

    Articolo precedenteL’appello di Luca Del Gobbo a Forza Italia: “Costruiamo un soggetto nuovo che riaggreghi le forze liberal popolari”
    Articolo successivoA4, da oggi altre chiusure notturne a Certosa e Cormano