Volontario per un giorno: 25 ragazzi al campus della Protezione Civile

86

MAGENTA  – Tenda, idrante, autopompa, radio. Hanno vissuto una giornata da volontari i 25 bambini che domenica mattina 19 maggio hanno aderito all’invito della Protezione Civile di Magenta (gruppo comunale nato vent’anni fa) di partecipare al campus organizzato presso la tensostruttura.

Un’intera giornata in compagnia delle tante forze che si occupano degli altri in situazioni di emergenza: così gli alunni delle classi quinte delle scuole primarie della città hanno spento un incendio con i Vigili del Fuoco, visto come tutelare l’ambiente con il Parco del Ticino, montato una tenda con la Protezione Civile, usato gli apparati radio con l’Associazione Radioamatori.

La quinta edizione ha visto anche piccole esercitazioni e si è conclusa con la premiazione dei bambini e delle bambine partecipanti.

Il sindaco Chiara Calati ha espresso il suo ringraziamento per le “tante forze volontarie umane presenti anche quest’anno e ai bambini” che hanno aggiunto un mattoncino alla loro “crescita come cittadini consapevoli e attenti”.

L’assessore alla Protezione Civile Rocco Morabito ha sottolineato la coesione del gruppo di partecipanti di questa edizione, “ragazzi che hanno saputo lavorare bene insieme fin da subito, facendo emergere tanta disponibilità e voglia di collaborare”, impegno che è “necessario e funzionale – ha aggiunto Simone Gelli, assessore alla Sicurezza – al lavoro di squadra che i volontari si trovano a dover affrontare”, estendendo a tutti i volontari i complimenti per il lavoro svolto in città e ai bambini per la partecipazione.

Presente anche la comandante della Polizia Locale Monica Porta.

Tanti i volontari che si sono mostrati piacevolmente stupiti dall’intraprendenza del gruppo, perché i bambini hanno anche saputo stupire: c’è chi ha voluto cantare l’inno nazionale e chi ha intonato i canti degli alpini, con ancora nel cuore l’esperienza dello scorso fine settimana a Milano al raduno nazionale.

Articolo precedenteEnnesima impresa dell’Aquila di Corbetta Mirela Hilaj: quarta alla Nove Colli, 202km di corsa
Articolo successivoAlto Milanese: al concorso di narrativa dei Lions vince una studentessa di Barcellona