Volontari in ospedale a Legnano. Quando un piccolo gesto rasserena la giornata

362

Si mantiene viva negli ospedali la partecipazione del mondo del volontariato, benché le normative antiCovid-19 in questo periodo abbiano limitato in maniera drastica gli accessi.

LEGNANO – Un mondo che però continua a contribuire al benessere dei pazienti anche a distanza, grazie, ad esempio, alla confezione di piccoli oggetti colorati che regalano almeno un po’ di serenità durante i giorni di degenza.

Il ruolo dei volontari.

Succede all’Ospedale di Legnano, dove per le pazienti dell’Oncologia e della Chirurgia Plastica la Lilt (Lega Italiana per la lotta contro i tumori) – delegazione di Legnano ha confezionato utili sacchetti colorati. Siamo da sempre al fianco dei malati oncologici, ma andiamo anche in altri reparti – ci racconta la responsabile e coordinatrice Anna Daverio – per offrire un respiro e una presenza diversa durante le lunghe giornate di ricovero, anche solo attraverso piccoli oggetti, soprattutto in questo periodo in cui non ci è consentito entrare fisicamente in reparto.

In queste circostanze non è la grandezza a dare significato al gesto, perché in quella “piccola cosa” confezionata da mani che racchiudono la sensibilità di una carezza e la delicatezza di attenzioni preziose.

Sono 50 i volontari della delegazione legnanese che dal oltre 30 anni opera nel territorio occupandosi di assistenza, diagnosi e prevenzione in ambito oncologico in collaborazione con l’azienda Ospedaliera di Legnano. “La nostra attività è normalmente fatta di ascolto, conversazione, letture, ma anche servizi come la fornitura di protesi provvisorie per le donne operate al seno. Tra i nostri servizi c’è l’accompagnamento alle terapie e la compagnia a chi è solo”, aggiunge Anna Daverio.

La delegazione della Lilt Legnano ha sede in via Matteotti 3 a Legnano; per informazioni il numero di telefono è 0331.450080 attivo da lunedì a venerdì dalle ore 15.00 alle 17.00.

Articolo precedenteLa “mascherina 1522” e l’app antiviolenza
Articolo successivoCollegio dei Reumatologi, Daniela Marotto prima presidente donna