Vittuone, il Pd si sente diffamato e minaccia querela: ‘Non dobbiamo nulla al Comune’

    91

    Riceviamo e pubblichiamo dal Partito Democratico di Vittuone

    VITTUONE – In relazione agli articoli  usciti la scorsa settimana-“Con i soldi del Comune la giunta di centrosinistra pagava le spese della sede del PD e dell’ex-assessore“ ed “Utenze private a carico del Comune. Il Sindaco presenta il conto al PD”-  nonché della locandina  “Bollette non pagate. Moroso anche il Circolo del PD”,  riteniamo necessario fornire un’informazione corretta agli iscritti, ai simpatizzanti e a tutta la cittadinanza.

    Il Circolo PD di Vittuone è in affitto nell’immobile di piazza Bartezzaghi dove ha la sede e non fa parte del condominio, non essendo proprietario, come invece erroneamente scritto nell’articolo pubblicato, nella fattispecie “Tra i «morosi» che ora devono rimborsare il dovuto ci sono i proprietari degli alloggi di una palazzina privata, tra cui l’ex assessore Danilo Portaluppi, ci sono le famiglie che hanno acquistato le case del Comune, ci sono commercianti, ma ci sono anche la cooperativa «La Rinascita» e il Partito democratico, che qui ha la sede e che dal 2012 al 2015 ha amministrato il Comune”.

    pdvitt1

    Pertanto il Circolo PD, essendo un inquilino, intrattiene i suoi rapporti direttamente con il proprietario dell’immobile e non con il Comune.

    Alla luce di quanto sopra se ne deduce che il Comune di Vittuone non ha nessun rapporto diretto con il Circolo PD nell’ambito del condominio di piazza Bartezzaghi e pertanto quanto sostenuto dai giornali non risponde a verità.

    Il Circolo del Partito Democratico di Vittuone  NULLA deve al Comune di Vittuone. Prova ne è che il Partito Democratico, correttamente, non ha ricevuto alcuna richiesta di pagamento dal Comune, come invece l’hanno ricevuta i condomini dei due stabili.

    Il credito che il Comune vanta e che ammonta a circa euro 36.000 è relativo al mancato introito delle utenze comuni (acqua, energia elettrica, manutenzione ascensori) da parte dei proprietari degli alloggi ed è imputabile al fatto che tali spese non sono mai state rendicontate dagli Uffici Comunali e suddivise tra i proprietari dall’Amministratore di Condominio.

    L’unica spesa dovuta dal circolo del PD al Condominio, secondo le notizie di stampa ammonterebbe a circa 500 euro, peraltro non ancora richieste.

     

    Ci corre l’obbligo anche di sottolineare come il giornale sia stato in grado di valutare in maniera abbastanza precisa il debito dei condomini e di quantificare un presunto debito del PD, ma anche che tali informazioni avrebbero dovuto essere mantenute riservate nel rispetto di un corretto rapporto tra Amministrazione Comunale, Amministratore del Condominio e i condomini stessi.

    In tutta la faccenda si rilevano, inoltre, pesanti scorrettezze nei seguenti termini:

    1. Il Comune avrebbe dovuto inviare la lettera direttamente all’amministratore sollecitando il rientro delle quote a lui dovute e sarebbe stato poi compito dell’Amministratore, in maniera riservata, mettere al corrente ciascun condomino di quanto da lui dovuto.

     

    1. Il Comune non avrebbe avuto titolo alcuno per inviare direttamente ai condomini una lettera per una richiesta di rimborso, sia perché l’interlocutore del Comune avrebbe dovuto essere l’amministratore, sia perché trattandosi di un atto amministrativo, è evidentemente di competenza del funzionario comunale responsabile del procedimento e non certamente dell’Assessore. Si consiglia pertanto al nuovo assessore un’attenta lettura del Testo Unico degli Enti locali dove sono ben delineati i ruoli degli assessori e degli uffici comunali.

     

    Le notizie false e tendenziose pubblicate sulla carta stampata e che girano sui social in merito a tutta la vicenda ledono l’immagine e la trasparenza del PD di Vittuone.

    Pertanto la Segreteria contatterà un avvocato per avviare un’azione legale a difesa dell’immagine del Partito Democratico di Vittuone sia verso chi ha pubblicato notizia e locandina, sia verso chi travisa la stessa attraverso i social network.

     

    Il segretario del Circolo del Partito Democratico di Vittuone

    Articolo precedenteMedicina del lavoro: promuovere la cultura della prevenzione
    Articolo successivo‘In morte sul lavoro’. Una dura, amara riflessione di Giuliana Labria. Da leggere