Vittuone, il Pd chiede l’attuazione delle opere collegate al Destriero

    71

    Riceviamo e pubblichiamo dal Partito Democratico di Vittuone

    Centro Commerciale Il Destriero a undici anni dall’autorizzazione Comunale

    VITTUONE – Come promesso nel primo numero, oggi vi facciamo un resoconto della lottizzazione del Centro Commerciale che ha costituito una vera miniera d’oro per le casse comunali.

    L’allora amministrazione Forza Italia/Lega incassò circa € 5.800.000 dal Centro
    Commerciale, una cifra enorme paragonabile a 20 anni di addizionale comunale
    (IRPEF) che i cittadini di Vittuone versano alle casse Comunali.

    C’è da chiedersi come, con una disponibilità di cassa così elevata, il Comune di Vittuone
    si ritrovi oggi nella peggiore situazione finanziaria di tutti i comuni del Magentino.
    Torniamo sulla convenzione. Il contratto con il Lottizzante del centro commerciale
    prevedeva, oltre al versamento di denaro sopra ricordato, anche la realizzazione diretta
    di diverse opere pubbliche quali.
     Nuova viabilità con rotonde sulla Statale 11.
     Sovrappasso ciclopedonale sulla Statale 11.
     Palazzetto dello sport-piscina coperta “Centro Sportivo Mike Buongiorno”.
     Bosco Urbano di fronte al Destriero.

    Tali opere sono state realizzate anche se del Palazzetto non si conosce ancora la
    rendicontazione economica e non si ha evidenza del collaudo dei lavori.

    La convenzione inoltre prevedeva la realizzazione di un Parco Urbano del Valore di circa
    € 300.000 a sud del centro commerciale ed un sottopasso ciclopedonale sulla
    Provinciale per Cisliano il cui costo è oggi preventivato in € 750.000. Tali opere non
    ancora realizzate a 11 anni dalla stipula della Convenzione che invece prevedeva tale
    obbligo.

     

     

     

     

     

     

     

    Ad oggi non sappiamo quale sarà il destino di tali opere nel programma amministrativo
    dell’attuale Giunta Leghista, ma ricordiamo a tutti che la passata Giunta di Centro
    Sinistra aveva previsto e deliberato nel gennaio di tre anni fa quale atto di indirizzo
    politico di mettere in discussione l’utilità di queste due opere e utilizzare il
    considerevole risparmio per la realizzazione di:
     Attraversamenti in sicurezza tramite impianti semaforici a chiamata sulle strade
    Provinciali di collegamento al CENTRO COMMERCIALE.
     Orti Urbani Comunali da assegnare ai Cittadini Residenti.
     Impianto di video Sorveglianza dei parchi urbani e delle aree pubbliche (Piazze e
    via di accesso al Paese).
    Questi tre progetti sarebbero stati finanziati dal recupero dei costi (circa € 300.000)
    del parco urbano, pur mantenendo la formazione di un’area pubblica di mitigazione
    ambientale come previsto nella convenzione. Ad oggi non abbiamo contezza sul perché
    l’Ufficio Tecnico non abbia portato a conclusione quanto deliberato dalla giunta centrosinistra
    caduta alcuni mesi dopo. Non risultano tuttora delibere che modifichino questo
    indirizzo e quindi questa giunta ha intenzione di variare tali indicazioni, confermarle o
    dimenticarle?
    Per quanto riguarda il sottopasso si ritiene che gli attraversamenti in sicurezza con
    semafori a chiamata avrebbero reso non più indispensabile il sottopasso recuperando
    una ulteriore fonte di finanziamento per il Comune di € 750.000 da utilizzare ad
    esempio per la ristrutturazione della illuminazione pubblica a Led senza ricorrere ad un
    indebitamento con mutuo come invece previsto dall’attuale giunta Leghista per un
    valore di € 500.000.

    Il Partito Democratico ritiene che gli amministratori Comunali debbano impegnarsi a
    soddisfare le necessità del Paese utilizzando tutte le forme di Finanziamento che non
    procurano ulteriori Indebitamenti. Una gestione oculata di questi finanziamenti consentirebbe di spostare risorse ad esempio sulle problematiche delle scuole di Vittuone.

    Articolo precedenteBià: “LETthéRARIO 2018”, il piacere di un thé con l’autore
    Articolo successivoI contatori dell’acqua…. li leggono i droni