NewsPolitica

Vittuone, Forza Italia ‘incalza’ l’Amministrazione sul parco Lincoln

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO       

VITTUONE – In questi anni abbiamo avuto modo di vedere la gestione approssimativa e senza programmazione di questa amministrazione ora dobbiamo constatare anche alcuni errori veramente incomprensibili sulle scelte prese. Oggi parliamo di Parco Lincoln. Al parco Lincoln si erano annunciati lavori di messa in sicurezza, ma a parte la manutenzione di un paio di giochi non si registrano nuovi cambiamenti, se non la chiusura della tribuna che però rimane presente, pericolosa e ancora utilizzata dai ragazzi che scavalcando agevolmente gli ostacoli per salirci anche nelle ore notturne. Infatti il parco rimane ancora aperto di notte e l’unico accesso chiuso permanente è quello che doveva rimanere aperto.

L’amministrazione ha deciso di mettere una cancellata fissa tra l’ingresso del centro polifunzionale e il parco stesso. Risultato: ora dal parco non si raggiunge più il centro polifunzionale, la biblioteca, i locali del pifferaio magico e la sede dei pensionati. Perché questa scelta? Fatto sta che un pensionato che arriva in bici e prima parcheggiava la sua bicicletta nella rastrelliera ed entrava in sede, ora vede la rastrelliera oltre la cancellata dentro al parco e dunque se vuole parcheggiare la bici deve: entrare dal parco da uno degli accessi a circa 200 metri, portare a mano la bici, perché è vietato andarci nel parco, depositarla e rifare a piedi altri 200 metri per entrare nell’agognata sede. Stessa cosa per un genitore o un nonno che si trova con il proprio figlio nel parco e vuole andare in biblioteca: deve uscire dal parco fare tutto il giro per entrare. Questo problema tempo fa ha fatto indignare il consigliere e presidente della commissione biblioteca che si è trovato la frittata bella e fatta senza saperlo e con il cerino in mano a spiegare, senza saperne, i motivi di questa scelta che anch’egli non condivide.

 

Ma a parte i problemi di gestione interna alla maggioranza la nostra domanda è sempre quella: perché tutto questo? Risposte non ci sono anche perché non c’è una logica nella scelta. Per mettere una pezza, che si è rivelata peggio del problema da risolvere, si è deciso di aprire la porta di servizio che da direttamente su via Milano per accorciare le distanze. Porta che si trova molto vicino all’area giochi e un bambino che imbocca quell’uscita si trova con due passi su una delle strade più trafficate e costantemente attraversata da auto e bus. Insomma si voleva mettere in sicurezza il parco Lincoln ma lo si è reso più insicuro. Tra qualche domenica ci terrà la festa dei nonni nella sede dei pensionati in quell’occasione forse il sindaco e il vicesindaco, che sicuramente saranno presenti, renderanno conto della loro scelta e magari potranno ascoltare dai diretti interessati le dovute rimostranze. Vedremo se verrà posta un’ulteriore pezza per tentare di risolvere il problema da loro stessi creato. Sicuramente se ci riusciranno avranno anche l’ardire di sventolare ai quattro venti con tanto di selfie che hanno risolto un problema e fatto qualcosa che chiedevano i cittadini sorvolando sul fatto che il problema l’han creato loro e che i cittadini si stanno lamentando da mesi.

FORZA ITALIA VITTUONE

 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi