Varese Estense Festival Menotti, sospesa la messa in scena delle opere di Menotti del 9 luglio

131

VARESE – Il Varese Estense Festival Menotti rimanda l’appuntamento di sabato 9 luglio. A causa di alcuni casi di Covid registrati all’interno dello staff, la direzione è stata costretta a rimandare la messa in scena delle opere di Gian Carlo Menotti, nella nuova produzione InOpera Factory, “The telephone, or l’amour à trois” e “The medium”. Lo spettacolo sarà riproposto in autunno al Teatro Nuovo di Varese, la data della messa in scena sarà comunicata prossimamente.

Promosso da Giorni Dispari Teatro, Filmstudio 90, Orchestra Canova e Associazione Ma.Ni, con la direzione artistica di Serena Nardi, il Varese Estense Festival Menotti è realizzato con il sostegno del Comune di Varese e della Provincia di Varese in collaborazione con Regione Lombardia e il supporto di Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, il contributo di Fondazione Cariplo, Fondazione Comunitaria del Varesotto e Openjobmetis. Media partner: La Prealpina. La quinta edizione del Festival, prima edizione intitolata al compositore, musicista e librettista di origine varesina Gian Carlo Menotti (Cadegliano Viconago 1911 – Monte Carlo 2007), prosegue nel suo viaggio tra grande musica, teatro e appuntamenti di approfondimento, nei luoghi più belli di Varese.

Venerdì 1 luglio alle 21, sullo scenografico palco allestito alla fontana dei Giardini Estensi, è attesa la pianista di fama internazionale Gloria Campaner. Classe 1986, Campaner è ritenuta una delle pianiste più versatili della sua generazione; ha suonato con alcuni dei musicisti più famosi del mondo e ha conquistato innumerevoli premi e riconoscimenti (tra cui la Medaglia d’argento al II Concorso Internazionale Paderewsky, l’European Piano Competition, i premi speciali Jan Paderewski e Frédéric Chopin e moltissimi altri). Nel 2009 è stata nominata Ambasciatore Europeo della Cultura per il progetto culturale Piano: Reflet de la Culture Européenne. A Varese presenta un piano recital dedicato a Frédéric Chopin: “Chopin: il viaggio delle emozioni”.

Sabato 2 luglio alle 15, nella Sala Convegni di Villa Recalcati, Fabio Vacchi e Attilio Piovano sono i protagonisti dell’incontro di approfondimento “Gian Carlo Menotti: un musicista varesino nel Mondo”. Ingresso libero.

Sempre sabato 2 luglio, ma alle 21, alla fontana dei Giardini Estensi è in programma lo spettacolo di Lella Costa “Se non posso ballare…non è la mia rivoluzione”, ispirato a il libro “Il catalogo delle donne valorose” di Serena Dandini.

Mercoledì 6 luglio alle 18, nel Salone Estense: “Donne e impresa culturale. I grandi circuiti lirici e musicali”. Incontro con Francesca Moncada di Paternò, fondatrice e amministratore unico de Le Dimore del Quartetto. Ingresso libero

Giovedì 14 luglio alle 21 a Villa Recalcati l’Orchestra d’archi I Pomeriggi Musicali di Milano esegue “Le quattro stagioni” di Vivaldi nella riscrittura di Richter e la “Sinfonia n.10 per archi” di Mendelssohn. Direttore: Aram Khacheh; violino: Gennaro Cardaropoli.

Domenica 17 luglio alle 10.30 al Parco Giardini Estensi: “La festa Di Francesco III”, passeggiata con sorprese alla scoperta di luoghi segreti, amati da Francesco III d’Este, creatore dei Giardini e del Palazzo Estense. Presentazione a cura di Franco A. Piana. Partecipazione libera.

Sabato 23 luglio alle 21, a chiusura del Festival, alla tensostruttura dei Giardini Estensi, il gruppo vocale “Celtic Trees” presenta un concerto con brani di Enya e dalle colonne sonore de Il signore degli anelli, L’ultimo dei Mohicani e Vikings. A seguire la proiezione del film “Belfast” di Kenneth Branagh.

Articolo precedentePiano Cave della Regione: via ai camion da Bareggio, c’è l’OK
Articolo successivoTurismo/2 la Regione finanzia 30 proposte per un contributo di 563.037,12 euro. Finanziato anche il Consorzio dei Navigli