Varese, Archeologistics vince il premio “Get It!” con il progetto Valori Verdi dedicato alla Valle Olona

167

La realtà varesina impegnata nella valorizzazione culturale è “Best Start-up For Impact” nel programma di Fondazione Cariplo. «Un traguardo che ci permetterà di connettere i diversi luoghi di cultura della Valle con esperienze a piedi e in e-bike e creare un infopoint turistico»

 

VARESE – Archeologistics vince il premio “Get It!” nel progetto “Eco: economia di comunità”, programma promosso da Fondazione Cariplo. L’impresa sociale varesina, realtà interamente al femminile impegnata nella valorizzazione culturale del territorio, è stata premiata per il macro progetto imprenditoriale “Valori verdi”, con capofila il Parco della Pineta di Appiano Gentile e Tradate, focalizzato sulla Valle Olona e sul suo patrimonio naturale, storico e artistico e capace di centrare gli obiettivi di “Eco”: rilanciare l’occupazione green, aumentare la capacità di attrarre investimenti legati alla sostenibilità e rafforzare le reti territoriali.

Nei giorni scorsi, nella sede di Cariplo Factory per l’Investor Day di Get It, Archeologistcs è stata premiata insieme con Sapori di Libertà (Mantova) come “Best Start-up For Impact”. Il progetto “Valori Verdi” verrà sostenuto con un investimento in equity da parte della Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore del valore di 100 mila euro, erogati in una logica di impact investing.

«Siamo molto orgogliose di questo traguardo che ci permetterà di connettere i diversi luoghi della cultura presenti nella Valle Olona attraverso esperienze a piedi e in e-bike, di aprire piccoli attrattori culturali e di creare un infopoint turistico della valle», dice Elisa Del Galdo, anima di Archeologistcs insieme con Elena Castiglioni, Emanuela Sguazza e Marina Albeni, che ha ritirato il premio a Milano. «I nostri obiettivi seguono i nostri valori: raggiungere e accompagnare le persone in luoghi poco conosciuti in modo sostenibile, promuovere un turismo lento e a zero impatto e costruire una relazione con il territorio e il suo patrimonio culturale. Questo aspetto è stato molto presente nell’intenso e stimolante percorso che abbiamo vissuto con le altre realtà territoriali: vogliamo che la collaborazione e il dialogo con gli altri partner del territorio e con il Parco della Pineta diventi una costante della nostra progettazione e che la rete che si è costituita possa fortificarsi e anche ingrandirsi».

È questo un approccio innovativo, capace di generare benessere. Continua: «L’impatto che la cultura può generare sulle persone è importante ed ormai documentato anche da numerosi studi: è stata verificata una correlazione tra il numero di esperienze culturali fruite annualmente e l’aumento della speranza di vita. Ma è anche la qualità della vita quotidiana a beneficiarne: se alcune città sono arrivate a inserire visite guidate nei musei tra le prescrizioni mediche, è segno che il beneficio è ormai diventato tangibile». Conclude: «Siamo convinte che i luoghi dove una comunità ha investito per secoli con interventi artistici, architettonici, paesaggistici debbano essere ri-generati e riportati dentro le storie di quelle comunità. Per questo lavoriamo per aprire al pubblico chiese, monumenti, mulini della Valle Olona e raccontarne la storia».

Archeologistics – Fondata nel 2004, è un’impresa sociale varesina impegnata nella divulgazione e conoscenza dei beni culturali. Progetta e realizza servizi di gestione museale, educazione al patrimonio, visite guidate e turismo culturale. In Lombardia opera in tutti i quattro siti Unesco Patrimonio dell’Umanità della provincia di Varese e collabora con le principali istituzioni del territorio e con il Ministero per i Beni Culturali. Fornisce consulenza per musei, monumenti e aree archeologiche, luoghi d’interesse storico-artistico e progetta percorsi per scuole e pubblico specialistico. www.archeologistics.it

 

Articolo precedenteMagenta: donna in bicicletta investita in piazza Kennedy, codice verde al pronto soccorso
Articolo successivoC’era una volta il Ju Box. A cura di Massimo Moletti