Vaccini a Cerro e Bià/2, Scurati: ‘Organizzazione impeccabile’

    65

     

    CERRO- ABBIATEGRASSO “Un’organizzazione impeccabile che sostiene lo sforzo della Lombardia nel piano vaccinale”. Così in una nota il consigliere di Regione Lombardia, Silvia Scurati in merito al tour di lunedì 15 marzo, presso i nuovi centri vaccinali anti Covid-19 delle città di Abbiategrasso e Cerro Maggiore: “Lunedì mattina in compagnia del Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ho preso parte con piacere all’inaugurazione del primo Cinema Multisala in provincia di Milano convertito in Hub vaccinale, frutto della riuscita collaborazione tra pubblico e privato che dimostra i tanti vantaggi e benefici che ne possono derivare – ha dichiarato Scurati – Questo centro vaccinale, sito a Cerro Maggiore, potrà avere  una capacità di 1.000 vaccini al giorno. E’ la dimostrazione dell’ottima gestione messa in campo allo scopo di garantire un efficace piano vaccinale e poter somministrare, in tempi più rapidi, i vaccini necessari in base alle dosi disponibili.

    SILVIA SCURATI

    Vedere un lavoro così ben fatto, non può che riaccendere in noi la speranza di poter raggiungere al più presto l’obiettivo finale. Un sentito ringraziamento all’Amministrazione comunale di Cerro Maggiore e alla proprietà per aver messo a disposizione gli spazi”. Parole di stima anche per l’organizzazione relativa al centro vaccinale di Abbiategrasso nella struttura della Fiera, sopralluogo avvenuto alla presenza dei consiglieri regionali Curzio Trezzani e Simone Giudici, oltre all’assessore al Territorio e alla Protezione Civile, Pietro Foroni: “Anche durante questa visita, come quella a Cerro Maggiore, ho potuto constatare l’efficace funzionamento della macchina organizzativa – ha concluso Scurati – Ottimo ambiente, tranquillo e rassicurante. Regione Lombardia, guidata dal nostro Presidente, Attilio Fontana, continuerà ad essere in prima linea per la lotta al Covid-19 e che non ha mai smesso di lavorare per il bene dei cittadini lombardi”.

    Articolo precedenteVaccini a Cerro e Bià/1, Trezzani: ‘Un segnale di speranza, possiamo vincere’
    Articolo successivoCasorezzo, l’idea di suor Maria: un caffè con Dio