Una mostra artistica a Castano Primo

    102

    CASTANO PRIMO – Per iniziativa dell’Assessorato alla Cultura si tiene presso il Museo civico di Castano un’esposizione artistica dal titolo  complessivo di “Artisti al Museo”che comprende due mostre personali, rispettivamente  di Giuliano Introini (pittura) e di Filippo Leto (disegni e sculture). Giuliano Introini, cha vanta un ricco curriculum professionale nel campo del marketing e dell’organizzazione fieristica (tra l’atro, è stato direttore del Polo Fieristico di Castano), coltiva sin dagli anni della giovinezza la pratica artistica e l’interesse per le tematiche umanistiche.  Questo il titolo scelto per la sua personale:  “E il tempo?  Una astrazione fatale”. La sua è una pittura astratta in cui Il particolare uso delle linee e dei colori  e il complesso cromatismo che ne deriva  sono gli strumenti attraverso i quali  definisce la sua personale ricerca estetica e pittorica, che lo conduce attraverso i vasti spazi  della filosofia , della psicologia e della ricerca tecnologica e scientifica più avanzata. Filippo Leto è un giovane artista e scultore palermitano, diplomatosi presso l’Accademia di Belle Arti della sua città, che attualmente svolge la professione di docente di discipline plastiche scultoree negli Istituti superiori della Lombardia (l’anno scorso ha insegnato anche al Liceo di Castano). La sua mostra, che prende il titolo di “Inchiostro e materia”, propone tre sculture e una ventina di disegni che hanno come soggetto perlopiù scene di vita palermitana, a testimonianza del grande amore dell’artista verso la storia, l’arte e la cultura del capoluogo siciliano che gli ha dato i natali e che è stato designato come “Capitale italiana della Cultura 2018”.

     

     

    La Mostra sarà visitabile da Sabato 11 Marzo a Domenica 19 Marzo con il seguente orario : da lunedì a Venerdì  ore 17-19 , Sabato e Domenica ore 10-12,30  e 16-19

    Inaugurazione :  Sabato  11 Marzo  ore 16.30

    Il Sabato pomeriggio e la Domenica mattina sarà possibile visitare anche la “Via Crucis” di Gaetano Previati (1884) collocata al piano inferiore del Museo.

     

     

    Articolo precedenteCaso Dzeta Inveruno: diritto di replica & controreplica. Tutti contro tutti
    Articolo successivoMagenta, ‘banchetto’ in piazza il 5 e incontro pubblico il 10 per il centrodestra (sempre alla ricerca del candidato sindaco)