Un weekend per superare il “Novantanovesimo Cancello”

    168

    MAGENTA- Nell’Ovest Milanese arriva l’autrice e giornalista siciliana Vincenza Tomaselli per presentare “Novantanovesimo Cancello”, il suo ultimo libro che conduce il lettore attraverso un cammino iniziatico alla scoperta di sé, fatto di partenze e ritorni, impennate e cadute rovinose.

    “Novantanove sono i cancelli da superare per annientare il mal di vivere e conquistare la felicità”. Sono pagine caratterizzate da una scrittura fluida, a tratti onirica, sempre incisiva come la lama di un chirurgo.

    Gli incontri si terranno a Magenta, giovedì 21 giugno 2018 ore 21.00, Galleria dei Portici, 5. A Cassinetta di Lugagnano,venerdì 22 giugno ore 21.00, Salone Polifunzionale di Piazza Negri. Ed infine a Cuggiono,domenica 24 giugno 2018 ore 12.00, cortile di Villa Annoni.

    Novantanovesimo Cancello è un viaggio nei meandri della psiche e dell’emotività femminile. Scardinando convenzioni e punti fermi, indagando la piaga dell’incomunicabilità umana alle sue radici, adottando quella che gli uomini chiamano “follia” come prezioso strumento di difesa e conoscenza, cancello dopo cancello, Enza Tomaselli sviscera tutti i temi cari a quel mal de vivere che – inesorabilmente – scuote gli animi più sensibili.

    Avanzando per 99 cancelli affronta fantasmi interiori per disperderli, riapre ferite infette per guarirle, evoca desideri irraggiungibili per alimentare nuove prospettive. E lo fa senza mai perdere la lucidità, la leggerezza e il coraggio di andare fino in fondo.

     

    Vincenza Tomaselli, classe 1971, pubblicista, lavora come Art Director in un’agenzia di comunicazione integrata a Siracusa. Ama la musica, l’arte, il cinema e il teatro, di cui spesso si fa mecenate. Nel 2008 ha pubblicato con Edizioni Il Filo, il romanzo La voce a me dovuta, suo esordio nell’ambito della narrativa introspettiva che ha raccolto recensioni positive e un invito al dibattito sul palcoscenico del Maurizio Costanzo Show. Novantanovesimo Cancello è il suo secondo libro.

    Articolo precedenteSan Giorgio su Legnano: l’edificio dimenticato di via Gerli
    Articolo successivoIl progetto internazionale: dopo New York approda anche a Lainate