NewsPolitica

Un passato scomodo

RICEVIAMO E  PUBBLICHIAMO DA NDC MAGENTA L’incapacità di questa giunta non ha limiti. Capiamo che difendere il proprio operato possa essere quasi un loro dovere ma non è possibile scaricare continuamente le proprie incapacità sulla giunta che li ha preceduti. Il tempo scorre, hanno superato la metà del loro mandato e i risultati previsti nel loro programma non si vedono. La nostra città continua a regredire e loro non perdono occasione per spiegarci che è colpa di chi li ha preceduti. Le strade sono disastrate e piene di buche ed il motivo è perché la giunta Del Gobbo non ha adeguatamente programmato gli interventi. Il servizio mensa presenta dei disservizi, per i quali I genitori fanno raccolta di firme seguite da articoli sulla stampa locale ? Si motiva evidenziando che l’assegnazione alla società Gemeaz, avvenuta tramite gara, l’ha fatta la giunta Del Gobbo, anche se i disservizi allora non c’erano. Non si fa un’adeguata manutenzione alla scuola De Amicis, dove cede parzialmente il tetto in un locale ? Il giovane ed inesperto, oltre che poco informato, Assessore Salvaggio accusa la vecchia giunta di aver realizzato una scuola con tanti problemi. Si dimentica, o si finge di dimenticare, che la scuola De Amicis è stata progettata e assegnata da una giunta di sinistra e lasciata in eredità alla giunta Del Gobbo che ha avuto l’onere di portarla a termine con dispendio di notevoli risorse, sopratutto economiche. Emergono continuamente carenze nella manutenzione scolastica ed è sempre colpa di chi c’era prima, ma si dimenticano di dire che la giunta Del Gobbo investiva mediamente per la manutenzione scolastica un milione di euro ogni anno. Il Sindaco Invernizzi spesso impartisce lezioni sul valore, sui contenuti e sull’importanza della CULTURA, lasciando intendere che lui può fare meglio di chi lo ha preceduto e anche con meno risorse. L’impegno della giunta precedente per elevare il “Lirico” a teatro con valenza regionale è stata apprezzata da tutti, con interventi strutturali e stagioni teatrali e musicali di alto livello, sempre con grande successo di pubblico. In un teatro, proprio per sua natura, si programmano serate teatrali: bene, il sindaco Invernizzi dimezza la stagione teatrale e inserisce serate di filosofia con un costo di circa 16.000 € e con una partecipazione di pubblico notevolmente ridotta rispetto alle stagioni precedenti. Questo malgrado l’ingresso sia gratuito e per incentivare la partecipazione degli studenti si utilizza lo strumento del “credito scolastico”. Forse le serate filosofiche si potevano programmare altrove. I Legnanesi non vanno bene al Lirico perché costano troppo e non fanno cultura, poi si invitano nel cortile del palazzo comunale, una forma di trasformismo incomprensibile. Dopo la metà del loro mandato, non riescono ad aprire la piazzetta “Naj Oleari” e accusano la giunta Del Gobbo di averla inaugurata anticipatamente, quando ancora mancavano parte delle autorizzazioni necessarie. Per concludere, l’amministrazione Del Gobbo ha governato Magenta per dieci anni: non tutto è stato fatto come si sarebbe voluto, ma molto è stato fatto, Magenta ha cambiato faccia in senso positivo, non lo diciamo solo noi, lo riconoscono i magentini. Dalla Giunta Invernizzi solo promesse e libri dei sogni e l’ingombrante ricordo della giunta Del Gobbo.

 

Giovanni Lami e Rocco Morabito

 

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi