L'Editoriale

Tutti vincitori

Hanno vinto tutti. Vince mister B in Liguria con l’incredibile Totti; vince la Lega in Veneto con Zaia che ridicolizza la lady like alla depilzero Moretti; vince De Luca “imbecilli, siete tutti imbecilli” l’impresentabile, in Campania e salva così il governo del balilla Renzi; vince Grillo che il suo è il secondo partito. Vincere. E hanno vinto, tra mare e monti e pianure. Vittoria. Che poi abbia votato un italiano su due è un dettaglio che non interessa. A loro. Beninteso. Sta a significare che quella buona metà di italiani che ha passato la mano, ne ha le tasche vuote e la testa piena della baggianate della gentarella che, la più parte, assolutamente nullafacente si dà, si dà per darsi tutta, alla politica. Si dà con parenti, amanti, compagni di merende, amici e sodali. Si dà, come si diede nel recente passato come si è sempre data, si dà per imbertare danaro legale. E quindi vittoria. Vabbene. Evviva. Fa niente se poi ogni governatore sia, sia com’è, un governatore di minoranza assoluta. Questa qui è una razza che quando voteranno solo in due, diconsi 2, grideranno ancora alla vittoria. Razza predatoria. Elementi del carbonifero. Fa niente, anzi, gniente. Così il nuovo lungo corso dell’itagliano. Paga e taci. Si dice democrazia. Dicono loro, quindi si dice. La vittoria.
Emanuele Torreggiani

Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi