‘+Turismo/1: vacanze 2021 a km 0 per 1 italiano su 3

    6

     

    MILANO  Il 32% degli italiani, quasi 1 su 3, per la vacanza dell’estate 2021 ha scelto una meta vicino casa, all’interno della propria regione di residenza, sotto la spinta dell’incertezza sulla ripresa dei contagi Covid. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixè che evidenzia il profondo cambiamento determinato dalla pandemia Covid nelle vacanze degli italiani segnate dall’arrivo del green pass.

    Secondo la Coldiretti, dunque, una fetta importante dei vacanzieri ha dunque scelto sottolinea una vacanza di prossimità alla riscoperta delle bellezze sotto casa ma in ogni caso le destinazioni nazionali sono preferite dalla quasi totalità degli italiani per il desiderio di sostenere il turismo tricolore ma anche per i limiti e le incertezze legate a una vacanza all’estero. Il cambio di colore delle principali mete europee delle vacanze frena infatti le partenze degli 1,5 milioni di italiani che, evidenzia la Coldiretti, avevano deciso di trascorrere le ferie all’estero nell’estate 2021 con la nuova mappa ECDC che colora di rosso e rosso scuro la Spagna, di giallo e di rosso la Grecia e di giallo buona parte della Francia, le destinazioni storicamente più gettonate dagli italiani.

    Se la spiaggia, spiega ancora la Coldiretti, resta la meta preferita, la preoccupazione degli assembramenti fa aumentare il turismo in montagna, la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne italiane, come alternativa alle destinazioni turistiche più battute, mentre crollano le presenze nelle città. In molti hanno scelto di ritardare le partenze che sono concentrate nel mese di luglio e soprattutto agosto ma, conclude la Coldiretti, sono tre milioni gli italiani maggiorenni che hanno deciso di rinunciare alle vacanze estive espressamente per paura del contagio.

     

    Articolo precedente‘+Vaccini ‘mobili’, monodose e senza prenotazione per over 60: in Lombardia anche ad agosto
    Articolo successivoTurismo/2: in vacanza 54% degli italiani (nel 2019 era il 57), spesa media 876 euro