Tubazioni e riscaldamento da cambiare, Magenta investe 30mila euro per le scuole

    79

     

     

    MAGENTA – I mesi estivi sono quelli durante i quali, tradizionalmente, si investe sulla manutenzione delle scuole in vista del nuovo anno.

    Anche questa estate non fa eccezione, tanto che il Comune di Magenta- con due distinti provvedimenti- ha appena stanziato 30mila euro per le scuole cittadine.

    Il primo lavoro da realizzare è quello alla primaria Giovanni XXIII di via Cervi, dove è stata rilevata una perdita d’acqua dell’impianto di riscaldamento che coinvolge un’ala della scuola primaria e che si è provveduto alla chiusura della linea onde evitare dispersione di acqua del riscaldamento e per prevenire l’aggravarsi della situazione.

    Siccome entro il 15 ottobre 2019 sarà necessario avviare l’impianto di riscaldamento era quindi necessario  avviare le operazioni di riparazione della perdita per tempo di moda da garantire la piena fruibilità dell’immobile e le condizioni microclimatiche, senza creare disservizi all’attività didattica.

    In questo caso. l’importo per lo svolgimento dei lavori è pari a € 9.860,00, di cui € 360,00 di oneri di sicurezza, oltre oneri fiscali pari a € 2.169,20, per un importo complessivo pari a € 12.029,20.

    Il secondo intervento di manutenzione si è reso necessario a seguito di segnalazioni dell’ICS “Carlo Fontana”, che ha segnalato alcune anomalie presso la scuola secondaria di primo grado “Baracca” in via f.lli Caprotti a Magenta: difficoltà nel periodo di funzionamento dell’impianto di riscaldamento di ottenere un adeguato
    microclima al fine di svolgere l’attività scolastica nelle aule didattiche site al piano terra e al piano primo a causa del mancato funzionamento di alcuni mobiletti ventilconvettori;  inadeguato microclima al fine di svolgere l’attività scolastica nel periodo di attivazione dell’impianto di riscaldamento nelle aule di musica collocate al piano primo e secondo della scuola, in quanto i radiatori presenti sono in numero inferiore rispetto alle dimensioni delle aule e non più adeguatamente efficienti.

    In questo caso, il Comune ha stabilito che  l’importo per lo svolgimento dei lavori è pari a € 21.800,00, di cui € 800,00 di oneri di sicurezza, oltre oneri fiscali, pari a € 4.796,00, per un importo complessivo di € 26.596 euro.

    I provvedimenti dovrebbero evitare problemi alla ripresa, ormai imminente, dell’anno scolastico.

    Articolo precedenteAuguri a Cesare Nai e al nostro Teo Parini
    Articolo successivoAbbiategrasso: Paolo Antonio Simioni, l’Annunciata e ‘un’idea diversa del teatro’