Trecate: Sarpom accoglie i ragazzi del Liceo Galilei di Borgomanero

    174

    SAN MARTINO DI TRECATE NO –   Venerdì 31 maggio la terza liceo scientifico Galileo Galilei di Borgomanero, diretto dalla professoressa Gabriella Cominazzini, ha fatto visita, nell’ambito del progetto “Sviluppo sostenibile”, alla raffineria SARPOM di Trecate.

    I ragazzi sono stati accompagnati dalla professoressa Daniela Bertolotti, docente referente dei progetti Alternanza che sottolinea come “i ragazzi sono stati molto interessati alle spiegazioni dei tecnici, le attività sono state adeguate all’età e alle conoscenze dei ragazzi. Anche io, come insegnante, ho trovato un ambiente davvero accogliente e uno spirito di gruppo e appartenenza che non è solito in aziende così grandi. Mi auguro di proseguire la collaborazione, questo primo anno è stato l’inizio di un progetto pilota sul tema dello “Sviluppo sostenibile” e la visita alla SARPOM ha fornito loro un ottimo esempio di come si possa conciliare lo sviluppo con le tematiche di salvaguardia ambientale e di sicurezza”.

    Il progetto “Sviluppo sostenibile” è un’attività avviata dal liceo in collaborazione con alcuni professionisti. Dapprima sono state approfondite in classe alcune tematiche inerenti allo sviluppo sostenibile, alle fonti di energia e al riciclo dei rifiuti e, successivamente, sono state organizzate uscite sul territorio affinchè gli studenti potessero verificare quanto appreso a livello teorico. L’appuntamento sull’energia e gli scenari energetici dei prossimi anni è stata realizzata in collaborazione con SARPOM. La raffineria ha ospitato gli studenti con grande entusiasmo poiché progetti come questo rientrano appieno nella filosofia informativa-formativa dell’azienda e le visite all’impianto costituiscono un’ottima opportunità per far conoscere ai ragazzi temi legati non solo alla raffinazione ma più in generale all’energia, all’ambiente e alla sicurezza.

    Siamo felici che la visita e gli argomenti trattati abbiano appassionato i ragazzi”– sottolinea l’Ing. Buonerba, direttore di SARPOM –“Oltre a fornire informazioni sullo sviluppo sostenibile –sotto il profilo sociale, economico e ambientale – abbiamo cercato anche di testimoniare il ruolo che l’istruzione in campo scientifico ha e continuerà ad avere nel mondo del lavoro, della ricerca e dell’innovazione nella speranza che possa rappresentare un’indicazione utile per le scelte che dovranno prendere sul loro futuro percorso di studi”.

     

     

    Articolo precedenteSomma Lombardo festeggia in grande: 60 anni dalla elevazione a Città
    Articolo successivoRobecco sul Naviglio: 53enne colpito da arresto cardiaco, a Castellazzo arriva l’elisoccorso