Trecate: la cittadinanza onoraria a Don Gilio Masseroni

    111

    TRECATE – 39 anni: tanto è durato il mandato pastorale di don Gilio Masseroni nella comunità trecatese. Nato a Novara il 16.08.1922, il 27 agosto 1972 monsignor Aldo Del Monte, allora vescovo di Novara, lo nomina parroco di Trecate dando il via al suo lunghissimo impegno a stretto contatto con l’intera società trecatese conclusosi il 02 ottobre 2011.
    «Abbiamo condiviso l’idea di conferire la cittadinanza onoraria a don Gilio sia con tutte le forze politiche sia con don Ettore Maddalena, attuale parroco di Trecate e i rappresentanti della Consulta dei Santi Patroni Cassiano e Clemente, e abbiamo riscontrato un consenso unanime all’iniziativa – ha spiegato il sindaco Federico Binatti – Domenica 16 settembre alle ore 15.00 è stato convocato un Consiglio comunale straordinario aperto alla cittadinanza all’interno del programma delle patronali proprio per dare il giusto risalto alla consegna dell’onoreficenza».


    Con sensibilità, sapienza ed esperienza, don Gilio ha saputo gestire i vari momenti delicati della vita di Trecate proprio negli anni in cui passava da paese a città dialogando con il Comune e con tutte le istituzioni pubbliche per il bene dell’intera comunità. Don Masseroni ha dedicato inoltre particolare attenzione anche al rinnovamento del “Bollettino trecatese”, testata settimanale di informazione, punto di riferimento per la comunità. Senza dimenticare, inoltre, l’impegno nel custodire il patrimonio architettonico, artistico, culturale e religioso di Trecate, recuperandolo e valorizzandolo per le generazioni future. Una sensibilità verso la Cultura che verrà ricordata anche durante la cerimonia di domenica 16: «Saranno presenti il maestro Mauro Trombetta con la Schola Cantorum San Gregorio Magno – ha continuato il primo cittadino – Franco Peretti, inoltre, ne ricorderà la figura al Bollettino anche grazie al libro che aveva dedicato al giornale qualche anno fa».

    Articolo precedenteIl CIEF risponde a Francesco Bigogno: “La nostra scelta si sta rivelando più che mai azzeccata”
    Articolo successivoCalo dell’udito: un problema più diffuso di quanto potremmo pensare