Trecate, il Comune in campo per agevolare nuovi dehor e ampliamenti

    4

    TRECATE NO –  L’atteso “Decreto Riaperture”, in vigore dal 26 aprile, prevede che in zona gialla i ristoranti possano aprire a pranzo e a cena, purché all’aperto.
    Per questo l’Amministrazione comunale ha previsto la possibilità di richiedere una nuova realizzazione o un ampliamento di dehor già esistente attraverso una procedura semplice e snella che prevede solo l’invio del modulo di richiesta occupazione di suolo pubblico.

    «Un provvedimento che intende aiutare le attività di somministrazione di alimenti e bevande già penalizzate da lunghi mesi di chiusure – dichiara il Sindaco Federico Binatti – È doveroso, da parte dell’Amministrazione, dare un segnale di vicinanza ai nostri esercenti con i mezzi a propria disposizione».

    Il Decreto Sostegni prevede l’esonero dal pagamento del canone patrimoniale per l’utilizzazione del suolo pubblico fino 30 giugno 2021 e la proroga delle domande di nuove concessioni o di ampliamento delle aree già concesse al 31 dicembre 2021.

     

    «Per aiutare i titolari di esercizi di somministrazione le parole d’ordine sono semplificazione delle procedure e massima disponibilità da parte dell’Amministrazione – aggiunge l’assessore al Commercio Caterina Simeone – Proprio per questo ci siamo mossi velocemente per garantire ai nostri ristoratori la possibilità di realizzare nuovi spazi all’aperto o di ampliare quelli già esistenti».

    Il modulo per la richiesta è scaricabile dal sito istituzionale del Comune di Trecate, sezione Modulistica in linea, Ufficio Commercio, “Modulo per la richiesta di occupazione di suolo ed aree pubbliche con dehor” e deve essere consegnato a mano presso il Comando di Polizia Locale in viale Cicogna, corredato da due marche da bollo da 16 euro e diritti di segreteria (10 euro).

    Articolo precedente“Più agio nel contagio”, Il Consultorio di Magenta in dialogo con gli studenti della “F. Baracca” e della “Don Milani”
    Articolo successivoCasterno: pianta caduta da due settimane, vigili del fuoco mettono l’area in sicurezza