Trecate, “caso Squillo” il Sindaco: “Il Pd rischia di essere spazzato via e…”

    48

    TRECATE – Continua a tenere banco in città la polemica sulla vicenda legata al concerto di Jo Squillo e che ha portato nei giorni scorsi all’allontanamento dalla Giunta dell’ormai ex vice sindaco Giorgio Capoccia. Adesso il PD insiste e se la prende col sindaco chiedendone le dimissioni. Ma Federico Binatti replica a muso duro. Qui di seguito la sua risposta:

    Mi stupisco che l’opposizione targata Partito Democratico chieda le mie dimissioni.Capisco che domenica si voterà per il rinnovo del Parlamento e dunque un PD che rischia di essere spazzato via si aggrappi veramente a tutto, ma in questo caso si è superato ogni limite.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Credo di essermi comportato in maniera più che corretta, intervenendo quando il caso, di cui non ero assolutamente a conoscenza, è deflagrato. Non ho esitato quindi a prendere una decisione forte come la revoca dell’incarico al mio vice. Una scelta doverosa nei confronti dell’Ente.Con senso di responsabilità ho infine agito nell’interesse dell’Amministrazione nel ricercare una collaborazione che consentisse l’approvazione di un documento di fondamentale importanza come il bilancio di previsione. Ho la coscienza a posto. Sono certo che i miei concittadini apprezzino la decisione che ho preso. Ho ricevuto in questi giorni la fiducia massima e totale di moltissimi Trecatesi tramite numerose chiamate e messaggi e tanti attestati di stima anche sui social network. Continuerò ad impegnarmi con la massima serietà, passione e determinazione. Da questo momento infatti lascio al Partito Democratico le inutili e sterili polemiche e mi concentro solo ed esclusivamente sulla buona Politica, quella dei fatti e non delle chiacchiere. Già da ieri mattina sono al lavoro per riacquistare i 500 pacchi alimentari per i bisognosi della nostra Comunità”.

    Articolo precedenteMagenta: lunedì 5 marzo il “Progetto Martina”
    Articolo successivo“Il dialogo infinito con la natura”: ospite d’eccezione Renato Pozzetto