Tragedia Mottarone, Sindaca Stresa: “Stiamo lavorando per nuova cabinovia”

    5

    STRESA VB- “Una cabinovia che permetta il flusso di mille persone potenziali all’ora cambierebbe completamente l’immagine della nostra montagna, insieme a un panorama unico, permetterebbe di osservare la bellezza di sette laghi”. Marcella Severino, sindaca di Stresa, è al lavoro insieme con gli altri sindaci per immaginare un futuro nuovo e diverso per il Mottarone, rivitalizzando il turismo e ricostruendo sulle macerie. Come racconta ai microfoni di ‘iNews24.it’, il Comune di Stresa si costituirà parte civile per i danni all’immagine, perché ”siamo passati alle cronache di tutto il mondo in modo negativo. Ora è il momento di trovare la verità, mi auguro, nel più breve tempo possibile, e che venga fatta giustizia per quello che è successo”.

    Inoltre, spiega la sindaca‘ovviamente l’impianto adesso è sotto sequestro ed è tutto bloccato, ma stiamo lavorando per il suo futuro. Dobbiamo già essere pronti con una progettualità. Due settimane fa sono stata a Roma dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Enrico Giovannini, e insieme agli altri sindaci, gli abbiamo portato nostre proposte. Abbiamo una visione territoriale che prevede impianti a fune di ultima generazione e che metta in collegamento il Lago d’Orta con il Lago Maggiore”.

    Non si sa ancora se la funivia, dopo il dissequestro, sarà gestita da enti pubblici o nuovamente da privati: ”È presto per dirlo. Adesso bisogna capire cosa si vuole fare e come finanziarlo – continua Severino -. Chiaramente chiederemo aiuto ai parlamentari del nostro territorio. Dopo le vacanze incontrerò il presidente della Regione Alberto Cirio della Regione per mettere in campo un lavoro di squadra focalizzato sul nostro territorio”.

    Articolo precedenteInveruno alla Casa Famiglia ‘Azzalin’ venerdì va in scena l’aperitivo contadino
    Articolo successivoI portici di Magenta da domani potrebbero essere chiusi