CronacaNewsTerritorioTerritorio da vivere

Tradizionali locali: sfogliamo la storia di San Biagio con Pro Loco e Magenta Nostra

Una ricorrenza tanto cara ai noi Magentini che quest'anno sarà diversa a causa del Covid

MAGENTA – San Biagio è caro ai magentini che sempre accorrono alla chiesetta dedicata al santo, al bacio della reliquia. “T’a se giamò andai a binidi la gura?”, guai a mancare! E invece quest’anno non si potrà e mancherà a tutti -fedeli e non- l’appuntamento con la tradizione: bacio, gir a la fera per al firon di maroni, e po’ un bel piatt da buseca!

Per la tradizionale trippa ognuno potrà prepararsela a casa: purtroppo sono ancora vietate le tavolate con cui la Pro Loco onorava la mano magica degli Alpini che tra la distribuzione diurna in Piazza Liberazione e alla sera -appunto- per noi, non so quanto chili di trippa cucinava in quel giorno…

Tradizionale è anche il panettone di San Biagio che dovrebbe essere una fetta di quello di Natale, opportunamente sottratto ao golosoni e nascosto per farlo riapparire a San Biagio, secco secco e sbocconcellato ‘a benedire’ la gola.

Perchè poi questa tradizione e che centra San Biagio con la gola? Eccovi un libretto che vi spiegherà ogni cosa sulla vita del santo e sulle tradizioni legate alla sua ricorrenza.

Per chi ha meno esigenze di documentazione  c’è poi la filastrocca in dialetto del nostro Davide…deliziosa, come sempre.

San Biagio tra storia e leggenda

Clicca sul libretto per sfogliarlo online.

scarica anche la versione PDF

file:///C:/Users/Utente/Downloads/San%20Biagio%20tra%20storia%20e%20leggenda.pdf

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi