Tik Tok Cerano Telegram giovani, una proposta per ridare slancio ai nostri ragazzi

    8

     

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO Egregio Direttore , Le scrivo perché molte volte bisogna fare anche delle proposte e non solo critiche !!!

    La mia è una semplice e ingenua proposta per dare un po’ di brio al borgo e inventiva per i giovani per apprezzare di più gli angoli nascosti del loro paese ..

    I nostri ragazzi stanno vivendo un momento molto critico in questa pandemia che sembra non finire mai …

    Il loro ruolo essendo sempre in numero minore e più variegato ha sempre meno peso sulla società dei sempre giovani ..che non gli lascia nessun tipo di spazio ..

     

    Un divario sociale che sta iniziando a preoccupare anche tra di loro specialmente a livello economico dove una piccola parte ha tantissimo e una grandissima parte poco o nulla…

    Il loro mondo non è nei giornali nè nelle tv e manifestazioni classiche ..il loro mondo è tutto a portata di click ,in quello Smartphone diventato un pezzo importante della loro vita e anche del loro corpo …

    La mia iniziativa rivolta al mio comune Cerano ma può essere presa da tutti i comuni è quella di sfruttare le tecnologie e social network non per allontanare i giovani o per creare differenze ma per unirli in un progetto comune ..

    Il social più giovane oggi è “Tik Tok” una piattaforma globale di contenuti video con musica dove ogni giovane (e non solo) può creare con unione di foto o video dei contenuti da divulgare sul colosso cinese e altri social …

    Un nuovo modo di creare contenuti anche con buoni effetti, scelta di musica ,elaborazione testo e audio …un vero gioiello di creazione video …

    Un pensiero da “matusa ” prima per creare certi contenuti avevi bisogno mega impianto da tv locale oggi fai tutto con un semplice telefono moderno.

    Quindi perché non creare dei festival o concorsi dove ragazzi in compagnia o da soli o in coppia possono creare il loro video dedicato ad angoli, momenti, scorci del loro paese …magari anche certi modi di vedere il locale che noi avanti con le primavere non immaginiamo ..

    IL DUCA DI SARONNO

     

    Un progetto che può essere condiviso su un canale Tik Tok e magari anche Telegram altro social molto giovane o sul buon vecchio WhatsApp ..e facebook il social network più vetusto..

    Il concorso può essere aperto a tutte l’età ma accompagnati da un millennials e aperto anche a giovani dei paesi limitrofi e oltre …

    Il progetto può svolgersi con due video uno creato quando si vuole o anche già pubblicato e l’altro video creato in una giornata apposita e postato e divulgato nelle 24 ore del “Tik Tok Day” , in modo da creare un movimento da rendere vivo il borgo …

    Il concorso può deve prevedere dei vincitori e delle categorie segnalate con una votazione metà popolare e metà di giuria (qualificata)..

    Un’idea magari folle e stupida per i ben pensanti e sapienti ma può essere un modo per dare ai nostri giovani una gioia e motivo di vivere ed amare il paese e magari farli scoprire e scoprire anche noi angoli e consuetudini non nascoste.

    Il progetto è duttile per ogni tipo di realtà e per usare i social in maniera positiva e per dare sfogo alla creatività e fantasia e trarne beneficio e pubblicità positiva ..

    Un problema quello del divario tra città e paese e centro e periferia che sarà sempre più marcato se i governanti non ci mettono testa-cuore-soldi ..

    Questa mia strampalata proposta serve per rendere ogni angolo più vivibile​ e degno di nota e portare i giovani a vivere la realtà e capire di poterla godere.

     

    Tante volte le idee non devono venire da cervelloni onniscienti per essere provate o almeno prese e modificate …smussate …

    Tik Tok scusate il disturbo ..grazie per aver letto il mio Telegramm……

     

    Massimo Moletti, Duca di Saronno

    Articolo precedente‘++Attilio Fontana canta ‘O mia bela Madunina’ alla festa di Mario Mantovani (VIDEO)
    Articolo successivoCecchetti (LEGA): “Bene Regione Lombardia che in assestamento di bilancio destina altri 251 milioni per gli enti locali”