Test salivari anti Covid/1, Ats Pavia parte con la sperimentazione

    137

     

    PAVIA  È partita anche a Pavia la sperimentazione per l’utilizzo di test salivari molecolari in ambito scolastico. Con la collaborazione delle ATS, infatti, Regione Lombardia intende promuovere un percorso di Screening di individui asintomatici con sorveglianza e monitoraggio a campione della presenza di infezione da Covid-19, al fine di garantire la ripresa in sicurezza delle attività scolastiche e delle comunità infantili.

    Per la sperimentazione sul territorio, ATS Pavia ha selezionato alunni nelle fasce di età 3-14 anni dell’Istituto Comprensivo San Martino Siccomario dell’omonimo Comune in provincia di Pavia. I soggetti aderenti, previo consenso della famiglia, saranno sottoposti al test salivare, ripetuto a 14 giorni di distanza, per verificare la fattibilità della procedura e la sostenibilità dell’utilizzo su larga scala nelle scuole del territorio a partire da settembre 2021. Il test molecolare su saliva, infatti, si è dimostrato essere meno fastidioso per bambini e adolescenti rispetto al tampone naso-faringeo, grazie alla non invasività della metodica e alla semplicità della raccolta del campione. I test verranno somministrati dagli operatori sanitari della Cooperativa Sociale ONLUS Con Voi, selezionati dall’Istituto Comprensivo, e verranno analizzati dal laboratorio della Fondazione Istituto Neurologico Nazionale Mondino.

     

    ATS Pavia, oltre a selezionare l’Istituto Comprensivo dove realizzare il progetto, ha identificato il laboratorio di analisi che processerà i test e ha organizzato e coordinato le attività, in concerto con la scuola e il laboratorio stesso. Inoltre, ATS calendarizzerà gli interventi presso le scuole, supervisionerà le attività di formazione del personale sanitario messo a disposizione dalla scuola e affiancherà, in caso di necessità, durante lo svolgimento delle attività di prelievo. In caso di test positivo, ATS Pavia si occuperà di comunicare la misura di isolamento fiduciario ai familiari del soggetto e di informare la scuola, avviando anche la procedura di contact-tracing.

     Al termine, ATS Pavia analizzerà statisticamente i risultati e si occuperà della revisione del progetto per evidenziare risorse impiegate, punti forti e criticità in vista della potenziale implementazione su larga scala del protocollo di monitoraggio e sorveglianza nelle scuole.

     

    Articolo precedenteCasorezzo, il sindaco Oldani chiede ai cittadini di valutare i ser vizi comunali
    Articolo successivoTest salivari anti Covid/2, sperimentazione anche a Varese e Como