NewsStuzzicamenti

Tendenze USA: l’inizio del declino dei social in politica

L'interessante analisi del Pew Research Center

 

*fonte vedi: https://www.pewresearch.org/fact-tank/2019/08/08/46-of-u-s-social-media-users-say-they-are-worn-out-by-political-posts-and-discussions/

Il 46% degli utenti di social media statunitensi afferma di essere “sfinito” da post e discussioni politiche

Ben oltre un anno prima delle elezioni presidenziali del 2020, molti utenti dei social media negli Stati Uniti sono già sfiniti dalla quantità di contenuti politici che vedono su queste piattaforme.

La quota crescente di utenti dei social media è logorata dal numero di post politici che incontranoCirca il 46% degli utenti di social media per adulti afferma di sentirsi “logorato” dal numero di post e discussioni politiche che vedono sui social media, secondo un sondaggio condotto dal Pew Research Center sugli adulti negli Stati Uniti condotto dal 3 al 17 giugno 2019. Questa percentuale ha è aumentato di 9 punti percentuali dall’estate del 2016, quando il Centro ha posto l’ ultima domanda a questa domanda .

Tuttavia, alcuni utenti dei social media sono ambivalenti nel vedere questi tipi di post o nel trovarli divertenti. Circa quattro su dieci affermano di non sentirsi fortemente coinvolti nell’incontrare queste discussioni, mentre una percentuale molto più piccola (15%) afferma che gli piace vedere molti post politici sui social media.

In tutti i principali gruppi demografici, c’è più stanchezza che eccitazione nel vedere contenuti politici sui social media. Ma gli utenti dei social media bianchi hanno particolare probabilità di esprimere affaticamento: circa la metà di questo gruppo (52%) afferma di essere logorato da post politici sui social media, rispetto al 36% degli utenti non bianchi. (Un sondaggio del Pew Research Center del 2018 ha rilevato che anche gli utenti di social media bianchi avevano meno probabilità rispetto agli utenti non bianchi di dire che i social media erano personalmente importanti per il loro impegno politico.)

Le quote più grandi di utenti di entrambi i principali partiti affermano di sentirsi stanchi di dire che gradiscono il livello di contenuti politici su questi siti, ma i repubblicani e gli appoggiati dai repubblicani hanno una certa probabilità in più rispetto ai democratici e ai credenti democratici di dire che sono logorati da quanti messaggi politici che incontrano sui social media (51% contro 43%).

Le persone che usano i siti di social media sono anche più propense oggi che in passato a descrivere il discorso politico su queste piattaforme in termini negativi. Circa i due terzi degli utenti (68%) ora affermano di trovare “stressante e frustrante” parlare di politica sui social media con persone con cui non sono d’accordo, rispetto al 59% nel 2016. Al contrario, il 27% degli utenti oggi afferma di trovare queste interazioni “interessanti e informative”, rispetto al 35% tre anni prima.

La maggior parte degli utenti trova stressante parlare di politica sui social media con persone con cui non sono d'accordo politicamenteIl nuovo sondaggio rileva inoltre che gli utenti generalmente non trovano un terreno comune con gli altri durante le discussioni online sulla politica. Due terzi degli utenti (67%) affermano che discutere di politica sui social media con persone con cui non sono d’accordo di solito li porta a scoprire che hanno “meno in comune politicamente” di quanto si aspettassero. Circa un quarto (26%) riferisce di aver “più cose in comune” di quanto si pensasse in precedenza. Queste quote sono statisticamente invariate rispetto al 2016.

Gli atteggiamenti su questi scambi variano anche per razza ed etnia. Gli utenti dei social media bianchi sono più propensi degli utenti non bianchi a dire che trovano stressante e frustrante parlare di politica con persone con cui non sono d’accordo (72% contro 61%) o che queste conversazioni generalmente li portano a rendersi conto che hanno meno in comune con quello persona che potrebbero aver previsto (71% vs. 61%).

Repubblicani e democratici – compresi i magri – che usano i social media sono altrettanto propensi a descrivere questi disaccordi come frustranti o dire che discutere di politica con qualcuno con cui non sono d’accordo rivela che hanno meno in comune di quanto pensassero.

Questi risultati sono in linea con un sondaggio del Pew Research Center del 2018 che mostra che quasi sette su dieci americani riferiscono di sentirsi “logorati” dalla quantità di notizie che incontrano. Un’indagine del Centro separata condotta questa primavera ha scoperto che più di otto su dieci americani affermano che il tono e la natura del dibattito politico nella nazione è diventato più negativo negli ultimi anni e metà degli adulti statunitensi afferma di parlare di politica con le persone che in disaccordo con politicamente è “stressante e frustrante”.

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi