Teatro dei Navigli: domani a Ozzero, “Natale nello spazio”

304

 

OZZERO – Manca un mese a Natale ed è ufficialmente arrivato il momento di lasciarci travolgere da un’ondata di #Christmasvibes !!!

“Eccoci quindi a invitarvi, insieme alle vostre famiglie, questo sabato ad Ozzero per un evento imperdibile all’insegna della fantasia, del divertimento e di un Natale davvero spaziale!!!” Questo l’appello invito lanciato dal Teatro dei Navigli. 

 

Non perdete questa occasione di vedere in scena la bravissima coppia di attori Simona Lisco e Simone Mastrotisi, rispettivamente nei panni di Irene, una ragazzina tutto pepe, e Vercingetorige, il suo amico extra terrestre.

“Natale nello spazio” è uno spettacolo che vi trascinerà in una bellissima avventura dalla quale trarre un insegnamento importante: il valore della generosità! 

Non potete mancare!!!

***

Biglietti acquistabili: 

  • c/o l’ex Convento dell’Annunciata di Abbiategrasso da martedì a sabato dalle h.15 alle h.19.
  • online sul sito di Vivaticket
  • direttamente in loco a partire da un’ora prima dello spettacolo
  • tramite l’App Whatsapp Business. Utilizzarla è semplicissimo: una volta aperta la chat di Teatro dei navigli al numero 345 6711773, basta inserire nel carrello in alto a destra lo spettacolo e inviare un messaggio specificando il nome e il numero di biglietti che si vogliono acquistare. Vi verrà quindi inviato un link per procedere al pagamento e potrete ritirare i biglietti prima dello spettacolo.

Per prenotare: 

  • chiamare o scrivere al numero 345 6711773
  • mandare una mail all’indirizzo info@teatrodeinavigli.com

E’ necessario precisare il nome e il numero di biglietti che si desidera acquistare. I biglietti prenotati andranno ritirati almeno 24h prima dello spettacolo.

Per accedere all’evento è necessario il Green Pass e indossare la mascherina.

 

Articolo precedenteMagenta: 50 + 1 per l’Ospedale ‘Fornaroli’, anche una statua. E TN vi svela la copertina del libro….
Articolo successivoVaccini, Cecchetti ad alzo zero sul PD: “Evidenziano disguidi a fronte di cento mila dosi al giorno. Ma di che parlano?”