Tante le novità da Hammy Magenta: aperitivo del sabato, aperti tutte le sere

    45

    Dal 1 8 febbraio polpo e Franciacorta. A fianco di Alberto Rondinini arriva lo chef Marco Ferrari

     

    MAGENTA – Sono davvero tante, come promesso, le novità che Luca Selmo ed Hammy Bistrot lanciano per questo inizio di 2017.

    La prima, proposta a tutti i ghiottoni amici del locale, è il lancio dell’aperitivo di sabato a pranzo: ogni settimana diverse ricette a base di polipo accompagnate ai migliori Franciacorta, a partire da un’etichetta di grande pregio, il Monogram di Castelfaglia (dalla Franciacorta).

    Ma non finisce qui: dal 18 febbraio il bistrot di via Garibaldi sarà aperto tutte le sere, compresi martedì e mercoledì, e chiuso solo la domenica a pranzo. Questo grazie alla collaborazione con un nuovo cuoco che affiancherà Alberto Rondinini, nelle cucine di Hammy sin dal primo giorno: parliamo del talentuoso chef Marco Ferrari (sotto, nella foto).

    Per info e prenotazioni, come sempre, potete telefonare allo 0297001540 oppure consultare la pagina Facebook del locale, Hammy Bistrot Magenta.

    hammynuovo2

     

    LA MAGIA DEI VINI CASTELFAGLIA

    Il Millesimato di Castel Faglia, ottenuto dai migliori cru provenienti dai centenari terrazzamenti di cui dispone l’azienda, viene prodotto soltanto in alcune vendemmie, quando cioè le condizioni climatiche, la qualità dell’uva e le caratteristiche organolettiche creano le condizioni per un Franciacorta indimenticabile. Prodotto esclusivamente con uve bianche è composto per  il 90% da Chardonnay e per il 10% da Pinot Bianco. La zona di produzione è Calino di Cazzago San Martino. Il territorio collinare di origine morenica, ricco di sassi che riflettono il calore durante il giorno, accelera la fase di maturazione. I vigneti sono coltivati a spalliera a 4800 piante per ettaro, con inerbimento tra le file per l’automantenimento naturale del suolo fertile e della microflora e lotta integrata per minimizzare l’utilizzo di sostanze estranee al terreno. La potatura è a cordone speronato. La fermentazione primaria è a freddo in vasche inox e barriques in percentuali variabili. Maturazione minima sui lieviti 36 mesi.

    hammynuovo1

     

    Articolo precedenteMagenta, il Pd e la ‘macchina di comunicazione’: i nomi – ESCLUSIVA
    Articolo successivoAndrea Noè ricorda Marco Pantani (e suo fratello Paolo lo massaggiava..)