Superstrada Malpensa: variante di Pontenuovo ‘cassata’ e ponte a nord di Robecco, Legambiente plaude. Contenti loro..

    177

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

     

    ABBIATEGRASSO – Riguardo alle alternative radicali al progetto ANAS affossato definitivamente dal T.A.R., la proposta che Città Metropolitana ha inviato al Ministero lo scorso 31 marzo non è di certo la proposta di Legambiente, però merita di essere attentamente valutata.  

    La proposta illustrata dal Consigliere Delegato Del Ben contiene in parte alcuni elementi apprezzabili.

    È infatti molto importante che si siano abbandonate le idee su improbabili modifiche e adattamenti del progetto ANAS.

    Così come è molto importante che nel medesimo documento ufficiale siano citati congiuntamente sia le riqualificazioni viabilistiche che il progetto ferroviario.
    Abbiamo apprezzato inoltre che la richiesta di raddoppio ferroviario sia diventata la proposta centrale, ovvero la condizione irrinunciabile per risolvere i problemi di mobilità del quadrante Abbiatense-Magentino-Vigevanese.

    E abbiamo preso nota con favore che nel documento non venga menzionata l’ipotesi della Variante di Ponte Nuovo, auspicabilmente abbandonata per sempre.  

    Avere finalmente a disposizione una nuova idea di progetto di Città Metropolitana ci permette di analizzarla e possibilmente di confrontarci, soprattutto su alcuni elementi dove le nostre posizioni rimangono sostanzialmente divergenti.

    Invece non abbiamo per nulla apprezzato certi giudizi arrivati dal sindaco di Vigevano. Crediamo che bollare la proposta di Città Metropolitana come “ignobile” o “vergognosa” sia segno di ignoranza sul significato delle parole da un lato, e di mancanza di argomenti validi dall’altro.  Il sindaco di Vigevano sostiene la necessità di realizzare il progetto ANAS ben sapendo che l’impatto della costruzione della Superstrada non avverrebbe sul suo territorio ma su quello di altri comuni.

    E il sindaco di Robecco, invece di parlare di “ennesima provocazione”,  dichiari finalmente quale idea di circonvallazione ritenga valida per il suo paese, senza avallare la costruzione di una nuova Superstrada che sconvolgerebbe pesantemente tutta la zona dell’abbiatense/magentino.    

    Legambiente – circolo “Terre di Parchi”- Abbiategrasso     

     

    Articolo precedenteMagenta/Liceo Musicale, scontro sempre più duro tra Comitato Genitori e Quasimodo
    Articolo successivoLegambiente Abbiategrasso e la superstrada di Malpensa: levateje er vino… Di Fabrizio Provera