NewsPolitica

Superstrada 2, Trezzani (Boffalora) contro il partito del No. ‘Adesso basta, tempo scaduto’

Intervista al primo cittadino della Lega, che invita tutti i Comuni a mettere in un angolo gli egoismi per trovare una soluzione realmente condivisa. Che guardi al futuro
BOFFALORA – «Signori, il tempo è scaduto. Basta con le barricate, con la retorica del no. Una soluzione va trovata. Magari non sarà la migliore possibile, ma sarà certamente meglio della situazione attuale delle strade che attraversano i nostri paesi. Vecchie di 50 anni. Basta, è ora di dire basta. Se necessario, fatevi da parte».
E’ molto diretto e risoluto Curzio Trezzani, giovane sindaco emergente della Lega Nord, che da Boffalora lancia il suo grido contro dieci e rotti anni di opposizione alla superstrada per Malpensa. A suo dire, strumentale. «E’ da anni che sento parlare di fantomatiche proposte alternative del cosiddetto fronte del No. Proposte che non ho mai visto, e sono sindaco da 6 anni. Dovrei essere molto distratto. La realtà è che questi signori non vogliono alcuna strada, e la loro opposizione in tutto questo tempo è servita esattamente a questo. A lasciare tutto com’è, ma così non è più tollerabile». Il progetto Anas-Superstrada per Malpensa Vigevano-Magenta ha avuto secondo gli ambientalisti, nel corso di questi lunghi quattordici anni, il  pregio di connettere progettualità virtuose nei nostri territori, persone diverse che nei vari ambiti hanno lavorato per mantenere vive le caratteristiche delle terre dei Navigli. Nel settore agricolo, ma anche in quello artigianale e amministrativo, si è lavorato, fianco a fianco con tante associazioni, con i comitati e le forze politiche. «Per carità – continua Trezzani – anche a me  non piacciono molte cose del progetto Anas, ma non dico no incrociando le braccia e facendo il broncio. Cerco di trovare una soluzione, la migliore possibile, la meno impattante ma anche quella più utile per i miei cittadini. E più sicura. Questi signori dicono che una strada per raggiungere Malpensa non serve a nulla? Magari circolano con le carrozze, io invece prendo un aereo a settimana, come moltissime persone, e dico che la strada è utilissima. Poi, se volessi fare l’eroe, mi terrei asserragliato sul no, in attesa che Anas o qualcuno più in alto di me costruisca una strada che non ho voluto e che non ho neppure contribuito a migliorare. Ma così non farei al meglio il mio dovere di sindaco… Il tempo di certi presunti eroismi è scaduto. Stop».
Secondo il sindaco di Boffalora, determinante può essere il contributo di mediazione della Regione e di Massimo Garavaglia: «Ritengo che il risultato, adesso, sia alla nostra portata. Ripeto, lavoriamo tutti per una soluzione il più possibile condivisa, rispettosa dei pareri di ciascuno. Ma che sia una soluzione, un tracciato, qualcosa di concreto. Degli slogan, personalmente, io ne ho abbastanza».
curzio1212

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi