Sul cambio appalto della Rsa Fondazione Città di Abbiategrasso le rivendicazioni dei sindacati

    88

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO ABBIATEGRASSO – Dal primo agosto 2020 gli operatori socio sanitari e gli ausiliari socio assistenziali, che quotidianamente si prendono cura degli ospiti della casa di riposo “Fondazione Città di Abbiategrasso” saranno interessati in una procedura di cambio appalto che vedrà pertanto la cessazione del loro rapporto di lavoro con la Cooperativa sociale Il Quadrifoglio per essere assunti dalla Pellegrini Spa.
    Pur essendo garantita la continuità del rapporto di lavoro, verranno mutate negativamente le
    condizioni retributive e di inquadramento professionale poichè la società subentrante applica un CCNL(contratto collettivo nazionale di lavoro) differente dalla uscente; contratto nazionale che non rispecchia le mansioni realmente svolte dal personale interessato e che svilisce le professionalità e le competenze acquisite tramite precisi percorsi formativi.

    Se questo non bastasse, Pellegrini Spa, per lo svolgimento del servizio prevede un incomprensibile taglio del 50% delle ore che venivano precedentemente utilizzate per il servizio di assistenza agli ospiti della RSA. Taglio giustificato, secondo l’Azienda, dalle ore contrattuali stipulate con la committente Fondazione Citta di Abbiategrasso che lamenta una riduzione ospiti all’interno della propria struttura.
    La diminuzione degli ospiti presenti in struttura si attesta ad un attuale 27% e rende ingiustificabile un taglio ore lavorative di quasi il doppio che si rifletterà sulla qualità del servizio e sulla gestione dello stesso.
    Riteniamo inaccettabili le condizioni proposte le quali generano profonda tensione tra gli addetti interessati, che, se vedranno confermato un taglio del 50% dell’orario contrattuale individuale, subiranno un pesantissimo ed ingiusto dimezzamento del salario.
    Per queste ragioni rivendichiamo che Fondazione Città di Abbiategrasso si impegni in
    qualità di committente:

    -Applicazione di contratti idonei al riconoscimento delle qualifiche professionali degli
    operatori addetti(Asa,Oss)
    -Trattamenti economici, retributivi e contributivi, che le ditte appaltatrici devono assicurare
    a lavoratrici e lavoratori che da anni contribuiscono alla corretta cura degli ospiti presenti in
    struttura

    *Filcams Cgil Fp Cgil Ticino Olona Fisascat Cisl

    Articolo precedenteDomani in Consiglio metropolitano l’approvazione del Piano Territoriale Metropolitano
    Articolo successivoAlto Milanese/Legnano: Gioventù Nazionale contro violenza e degrado. “Il Commissario batta un colpo !”