Stra Magenta 2020: centinaia di runner sulla 10 km nei luoghi dove si è fatta la storia (VIDEO)

121

MAGENTA – Una bella giornata di sole ha accolto i partecipanti alla settima edizione della StraMagenta. Correre nei luoghi dove si è fatto la storia, la vigilia della festa di San Biagio a Magenta. Temperatura non troppo fredda e ideale per completare i 10 chilometri sul circuito collaudato e certificato Fidal da ripetersi due volte con passaggio in piazza Liberazione e nei giardini di casa Giacobbe, passsando davanti all’antico santuario di santa Maria Assunta.

Per poi dirigersi verso la periferia dove era possibile spingere al massimo per tentare il proprio personale. Anche quest’anno i runner hanno risposto alla grande con un migliaio di iscritti alla competitiva organizzata dal team di Davide Daccò. Ben due atleti sono riusciti a fermare il cronometro sotto i 30 minuti. Il secondo classificato Francesco Puppi dell’Atletica Valle Brembana e il vincitore Francesco Carrera dell’Atletica Casone Noceto che ha vinto in 29’43”. Un crono eccezionale che dimostra il livello elevatissimo della StraMagenta cresciuta di anno in anno.

Tra le donne è stata Silvia Oggioni della Pro Sesto ad imporsi su Nicole Svetlana Reina del Cus Pro Patria Milano. La prima con l’ottimo tempo di 33’55” ha staccato la Reina di soli tre secondi. “E’ andata bene – ha commentato la vincitrice – sono riuscita a fare il personale. Ora mi concentrerò sui cross fino agli italiani a marzo, mentre per la pista preparerò le siepi”. Ottima gara anche per l’atleta di casa, la boffalorese Claudia Gelsomino che l’ha presa come una tappa di avvicinamento all’appuntamento più importante di quest’anno che sarà la maratona di Milano all’inizio del mese di aprile. Tantissime le società di atletica provenienti da Milano e dai comuni dell’hinterland, dal varesotto e dal pavese. La società del Tapascione Running Team di Robecco ha portato all’arrivo ben 60 atleti. Uno su tutti è Francesco Prina che ha festeggiato correndo i suoi 80 anni applaudito al traguardo da tutti i membri del team. All’arrivo erano presenti i fisioterapisti dell’ambulatorio medico sportivo santa Crescenza a disposizione per dispensare consigli agli atleti. Una vera accademia della corsa quella creata all’ambulatorio Santa Crescenza che presenteremo di volta in volta.

“Siamo contenti di avere regalato ai magentini una giornata di grande sport per tutti – ha commentato l’assessore allo Sport Luca Aloi – Un ringraziamento agli organizzatori e ai tantissimi volontari che hanno garantito la sicurezza durante il percorso”. Nel video presentiamo le interviste ai vincitori e agli atleti che, per passione, si sono cimentati nella gara. Gran finale con la festa a Francesco Prina, detto Nonno Laser, per i suoi 80 anni. Festeggiati correndo.

 

Articolo precedenteStrada Malpensa e TAR/2, Domenico Finiguerra: ‘Noi ve l’avevamo detto’
Articolo successivo‘Rimarrai sfregiata a vita’. 23enne di San Giuliano arrestato per stalking