‘Stanghe allo scolmatore di Abbiategrasso? Inaccettabili’. L’affondo di Federica Bolciaghi (FDI)

    85

    Inibita la circolazione alle alzaie, senza alcun tipo di preavviso

    ABBIATEGRASSO – “Da qualche giorno, senza alcun preavviso, e inizialmente senza che ben si capisse chi le avesse posizionate, sono comparse delle stanghe che impediscono la circolazione sui tratti finali delle due alzaie del canale scolmatore. Non solo ritengo inaccettabile il metodo utilizzato da Aipo (Agenzia Interregionale per il fiume Po), che ha posizionato i manufatti senza avvisare Comune e Parco del Ticino, ma ritengo tali stanghe fortemente penalizzanti.


    Penalizzanti per i tanti abbiatensi che da sempre usufruiscono delle alzaie per motivi ricreativi come pedoni e ciclisti ma anche per gli amanti e frequentatori del fiume, come ad esempio gli iscritti alla riserva di pesca Somin nonché per gli agricoltori proprietari e conduttori dei fondi attigui.  Aipo, anziché imporre simili “soluzioni”, adducendo la scusa della sicurezza, avrebbe potuto regolamentare la fruizione delle alzaie, come fatto dal Consorzio Est Ticino Villoresi, magari di concerto con Comune, Parco ed associazioni.  Inaccettabile che Aipo, per evitare eventuali responsabilità in caso di incidenti, privi gli abbiatensi della fruibilità del loro territorio”.

    Così Federica Bolciaghi , candidata di FdI-AN al consiglio comunale di Abbiategrasso in merito alla chiusura delle alzaie del canale scolmatore da parte di Aipo.
    Articolo precedenteCave di Busto Garolfo e Casorezzo: la nota dei Comuni dell’Alto Milanese e dell’Abbiatense/Magentino
    Articolo successivoAd Albairate la “Buona Novella” di De Andrè, assieme ad Anffas e Melograno