Stagione irrigua: Olona Meridionale sotto osservazione

    68

    Nonostante il caldo di questi giorni, la situazione idrica nel comprensorio ETVilloresi non desta particolari preoccupazioni, grazie ad una gestione irrigua oculata e lungimirante. Anche la situazione del fiume Olona Meridionale, critica sino a qualche settimana fa, si è normalizzata. Mercoledì 24 luglio si è tenuto in proposito, in Regione Lombardia, un incontro alla presenza, tra gli altri, della Direzione Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi e di quella Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni, delle rappresentanze delle organizzazioni di categoria agricola e della Provincia di Pavia, cui ha partecipato, per ETVilloresi, il Vice Presidente Alessandro Ubiali, accompagnato dai tecnici dell’Area Rete. Riconosciute durante la riunione la peculiarità dell’Olona Meridionale, alimentato soprattutto da colature più che da acque vive, e la sempre maggiore diffusione del riso “in asciutta” – che provoca una sovrapposizione, a livello di esigenze irrigue, tra riso e mais, per i quali la portata di derivazione non risulta più sufficiente – oltre alla necessità di orientare in modo differente i criteri del Piano di Sviluppo Rurale-PSR, che distribuisce sempre più incentivi a sostegno del “riso in asciutta”. E’ ormai evidente come quest’ultima modalità di coltura del riso riduca sensibilmente la ricarica della falda, comportando un apporto d’acqua da fonti interne (risorgive e torrenti) del tutto insufficiente laddove la sommersione delle risaie assolve invece pienamente ad una funzione vivificante il territorio e l’ambiente. Dal confronto avviato è emersa inoltre l’urgenza di individuare per il corso d’acqua in questione la figura di un regolatore quale referente unico per i fabbisogni idrici delle varie utenze. ETVilloresi ha sottolineato l’importanza di addivenire all’individuazione di questa figura in tempi brevi‘Senza dubbio proprio tra i Consorzi di bonifica, in virtù delle competenze idrauliche e della profonda conoscenza del territorio, si potrebbe rinvenire il soggetto più opportuno, dotato di autorevolezza e credibilità. Se ve ne fosse necessità, ETVilloresi è pronto a mettersi in gioco” questo il commento del Presidente del Consorzio Alessandro Folli, subito aggiornato sugli esiti dell’incontro.

    Di Olona Meridionale e, in generale, delle difficoltà diffuse sui comprensori irrigui la cui fonte primaria è rappresentata da colatori si parlerà anche nel corso della riunione  del Tavolo Regionale per l’utilizzo in agricoltura della risorsa idrica, prevista martedì 30 luglio mattina presso Palazzo Pirelli a Milano. Rispetto a questi temi ETVilloresi ha fatto pervenire le proprie osservazioni e segnalazioni all’Unione regionale dei Consorzi di bonifica URBIM-ANBI Lombardia.

    Articolo precedenteRegione Lombardia promossa ancora una volta da Moody’s
    Articolo successivoRegione approva bilancio di assestamento: vale 1,8 miliardi di euro Copia