Spazio salute: l’importanza della visita ginecologica e i test di screening

    2

    MAGENTA – Visita ginecologica e test di screening come il pap test hanno un ruolo chiave per la salute dell’apparato genitale femminile.
    Le attività di screening e prevenzione per il benessere del proprio corpo, quindi anche dell’apparato riproduttivo e genitale femminile, rimangono fondamentali per la diagnosi e cura tempestiva di svariate patologie, come ad esempio cisti ovariche, fibromi uterini o tumori.
    Gli accertamenti base di controllo a livello ginecologico sono la visita medica , l’ecografia pelvica e il pap test.

    La visita medica specialistica inizia con l’anamnesi, che contempla tutte quelle domande che il medico fa alla paziente in maniera tale da far chiarezza sul suo stato di salute e ricostruirne la storia ginecologica per passare, poi, all’esame obiettivo, durante il quale può essere eseguita anche l’ecografia transvaginale, nel caso di paziente che abbia già avuto rapporti sessuali, l’ecografia transaddominale, nel caso di paziente che non abbia mai avuto rapporti sessuali.
    L’ecografia permette di definire il quadro clinico della persona e approfondire le ipotesi diagnostiche elaborate nella fase anamnestica.

    Il pap test, invece, è un test per la diagnosi precoce dei tumori al collo dell’utero.

    Visite ed esami più specifici possono essere eseguiti qualora venga riscontrata una problematica particolare o nel caso in cui, ad esempio, si voglia cercare una gravidanza e si desideri effettuare accertamenti pre-concezionali su uno/entrambi i partner o qualora si stia già cercando una gravidanza ma il concepimento tardi a verificarsi.
    Nel caso di un pap test patologico vengono eseguiti presso il nostro centro esami di II livello quali la colposcopie e l’approfondimento con HPV test dna.

     

    Per le pazienti senza i controlli andrebbero effettuati 1 volta all’anno: la visita ginecologica, a partire dai primi rapporti sessuali, in quanto a seguito dell’inizio della vita sessuale della donna è necessaria una diagnostica e prevenzione per il tumore al collo dell’utero.
    Inoltre, in questo periodo della vita della donna è importante fornire le corrette informazioni sulla contraccezione e sulle malattie sessualmente trasmesse.
    Ogni 3 anni, va fatto il Pap Test, che secondo le ultime indicazioni sarebbe da eseguire non più annualmente, ma con cadenza triennale, sempre a partire dai primi rapporti.

    Se si presentano sintomi la visita medica va effettuata in un arco di tempo più immediato. Questo avviene quando la paziente è affetta da una sintomatologia quale, ad esempio, dolori addominali o pelvici continui; assenza o irregolarità delle mestruazioni o cicli abbondanti.
    Nella maggioranza delle evenienze questi sintomi non sono necessariamente associati a una patologia, ma in alcuni casi, che spetta al medico valutare, possono essere anche manifestazioni di patologia ginecologica o emergenze ostetrico-ginecologiche come quelle riportate in questo elenco a titolo di esempio: patologie degli annessi o dell’utero squilibri ormonali disturbi dello sviluppo puberale, malformazioni genitali sintomi di aborto in gravidanza misconosciuta o sintomi di gravidanza extrauterina.

    Concludendo, la visita ginecologica permette di individuare tutte le problematiche a carico dell’apparato genitale e femminile, fra cui le principali patologie infettive dell’apparato genitale patologie benigne o maligne della vagina patologie uterine benigne o maligne, patologie annessiali ovvero dell’ovaio e delle tube benigne o maligne.
    Queste patologie possono essere diagnosticate in modo molto precoce con visite di controllo. È di certo possibile effettuare una diagnosi e intervenire anche più tardivamente quando, cioè, le stesse hanno già determinato una sintomatologia, ma in quel caso la prognosi e cura saranno diverse e magari più complesse.

    Dr.ssa Paola Filardo Ginecologa,

    Poliambulatorio Medico Santa Crescenzia Magenta

    *Per prenotare chiama il numero 02 97 29 1401

    www.santacrescenzia.it


    PRENOTA ONLINE

     

     

     

    Articolo precedenteCiclismo: la “Coppa Bernocchi” al traguardo volante di Nerviano
    Articolo successivoCovid: i segni della polmonite presenti sei mesi dopo la guarigione. Lo studio dei medici lombardi