Silvio, l’immortale e la sua ultima avventura vinta alla Massaro. A cura di Massimo Moletti

161

Credo che se i libri di storia in futuro verranno scritti con obiettività ci dovrebbe essere un libro a parte per il nostro Presidente Silvio Berlusconi …

Non voglio dilungarmi a spiegare al mio gatto Lapo tutte le vicende umane e imprenditoriali del grande uomo e perché una parte del popolo lo odia forse per gelosia, invidia o per sentirsi importante …

Perché quest’uomo di ormai 86 primavere ha fatto sentire molte persone pro e contro eccellenti anche involontariamente ha dato da mangiare a tanti odiatori di professione …

Oltre aver foraggiato tanti “lecca culo” (si può dire??) da far vergogna ma vorrei dire che l’ultima sua vittoria va in parallelo alla parabola calcistica del suo Milan.

Lui il Presidente più vittorioso del Mondo, Europa ma soprattutto dei rossoneri di Milano portando da un’aula di tribunale fallimentare al tetto del Pianeta il Milan. 

Lapo gatto viziato sa molto di calcio e vorrei spiegare la carriera politica del Silvio con metafore dei calciatori …..

Lapo mi ricorda che nel sistema tv da ex Jugoslavia che vigeva in Italia lui portò un ciclone di novità e scardinò il vecchiume italico e la polvere democristiana sulle frequenze analogiche.

Nel 1994 Berlusconi entra in politica come nuovo astro azzurro stile Roberto Baggio a USA mondiale di calcio , il popolo lo osanna e dopo una titubanza stile Segni Mariotto inizia a segnare e vince ma la prova del rigore non la supera e sbaglia cade il governo con ribaltone il primo di una lunga serie….

La sua stella sembra chiusa in quei sei mesi di governo e sapientoni di sinistra ed ex democristiani lo danno già per morto ma lui della politica da Baggio diventerà Maradona e porterà la vittoria delle Europee 1999 alle regionali 2000 dove le bandierine resteranno attaccate alla fede di Forza Italia e il trionfo del 2001 che lo riporta a Palazzo Chigi per la seconda volta …

Cinque anni in due governi poi sembra che la stella cada nel vuoto ormai le vittorie sono finite sembra non poter vincere più ma con un recupero incredibile da Imu inoltrato riesce a sfiorare la vittoria …

 

Qui ritorna Baggio perché riesce a ritrovare la maglia azzurra ma per un soffio non vince il titolo ad onore del vero nel 1996 perde ma prendendo più voticome la Roma nel 2008 che perde ma riceve più applausi …e qui è un po’ Totti grande ma con poche soddisfazioni per non cambiare casacca …

Dopo soli due anni è il 2008 e  torna Maradona o anche Cristiano Ronaldo forse per l’altezza più Messi…. è ancora lui il faro, la luce , il front man ...o capitano e uomo squadra pardon coalizione …

Torna Maradona per gli scandali che lo portano nella polvere adesso è veramente finito , donne, bugie, e spread lo portano sull’orlo del precipizio …

Quando arrivano le votazioni 2013 il clima è da macelleria morale messicana dove bisogna avere paura solo a dire la sua voce o nome …

Pure gli alleati hanno paura, ma il terrore è di fare campagna elettorale con lo spumante ancora sulle giacche per la caduta a Monti …di persone sinistre un po’ leggermente invasate …

Lui è solo come Zico nell’Udinese e gioca da solo in un’impresa che sembra impossibile con tutti contro con una sfida che sembra fuga per la vittoria.

Finisce in un quasi pareggio ma i numeri sono per la sinistra avesse avuto un giocatore scaligero forse poteva ripetere l’impresa del Verona 1985 o lui Mancini della politica non ha mai o forse non ha mai voluto un Vialli.

Poi la squalifica che sembra a vita e noi sogniamo che almeno torni per un solo e fantastico goal alla Diego Armando contro la Grecia in Usa 1994 ma Silvio è Silvio e sa che il recupero deve essere lento ma costante come la costruzione di una squadra di calcio …

 

Torna all’Europarlamento e gli applausi lo accolgono ormai è un Boninsegna che entra e segna e torna al governo dell’Italia con ministri che poi tradiranno senza motivo …

Lui è nell’Europarlamento ma vuole tornare per l’ultima volta dove era ma soprattutto da dove l’hanno cacciato e il buon Letta l’ha pressato e forse anche un po’ umiliato ma di Enrichetto sui libri di storia resteranno poche righe …

Viene l’ultima partita forse l’ultimo campionato ma un uomo come lui vive tutto come un avventura ma ha il vizio del goal come Massaro nel suo Milan storico o la personalità da spogliatoio come il grande Ibrahimovic…

Lui sa che ormai non può più tenere i ’90 e più minuti e non può più essere decisivo e front man goleador ma nei minuti decisivi può metterla ed essere decisivo nello spogliatoio ..

Il suo risultato stile Altafini dei tempi di fine carriera lo porta prima di tutto di nuovo al Governo del paese in pieno titolo e senza aggruppata da partita d’addio con il PD poi lo mette a ruota della Lega ma soprattutto davanti a due presuntuosi giovani come Calenda e Renzi che non sono mica Gullit e Van Basten …anzi assomigliano più a Pacione e Laudrup contro il Barcellona nel 1986…non trovano la porta …

 

Un uomo che ha visto passare sulla riva del fiume tanti leader di sinistra e centro sinistri ultimo il buon Enrichetto che ha avuto come molti in questi 28 anni l’illusione e la presunzione di aver domato e sconfitto il Silvio.

Un uomo che come i più grandi gli manca un titolo …come all’immenso Maradona  manca la Coppa Campioni, Baggio …Van Basten  il Mondiale ma le carriere più lunghe e longeve sono quelle che danno soddisfazioni anche accontentandosi del tempo che passa e dei minuti meno di gioco ..

Lui che ha sfondato su Tik Tok e si è fatto conoscere anche da persone che quando lui ha iniziato a giuocare (come dice lui ) il bello …non erano ancora nati ma li ha conquistati …

Una tempra forte e una coscienza di gestione delle risorse da grande campione in un mondo di piccoli livorosi e pruriginosi Lui è un Gigante è c’e’ sempre non si è mai tirato in dietro nemmeno di fronte al Duomo …

Forse, questa è l’ultima avventura…anche se forse gli spetterebbe una onorificenza …il massimo e giusto sarebbe Presidente della Repubblica ma per il quieto vivere lui non accetterebbe esistono ancora troppi invasati nel nostro Paese …un ministero non ha forse più le forze per reggerlo ..

La Presidenza del Senato sarebbe forse la restituzione e la giusta chiusura di una vita non da mediano ….

Ancora una volta Silvio l’ha messa dentro poi scegliete voi se Boninsegna, Baggio , Sivori ,Altafini ,Massaro o anche un Cassano negli ultimi anni …comunque l’ha messa e forse per l’ultima volta ha fatto il goal vincente …….

Pure Lapo si inchina al più grande di tutti

 

 

 

Massimo Moletti

 

 

Articolo precedenteAnni dei ricordi Rai & Forever Novara-Vercelli. La seconda puntata revival con Ama e il derby delle risaie con il Duca e Lapo
Articolo successivoTN dal mondo: il “fenomeno Meloni” visto dalla corrispondente olandese Pauline Valkenet