Silvia Scurati (Lega): “Milano maglia nera in Italia per baby gang e malamovida. È urgente ripristinare la legalità”

128

 “Milano è maglia nera in Italia per presenza di baby gang e movida violenta. Tra rapine, scippi e aggressioni si sono contati ben 1442 indagati, per la metà stranieri, nel solo 2021 (molti di più se si considerano quelli non denunciati)”.

Così Silvia Scurati Consigliere regionale della Lega in merito ai dati diffusi dalla Procura dei Minori.

 

“Le zone calde sono sempre le stesse: corso Como, zona Garibaldi, Porta Venezia, Navigli e Citylife alle quali vanno aggiunti gli innumerevoli episodi sui mezzi pubblici. Milano si attesta così il triste primato italiano per arresti e denunce, un allarme sociale causato dalle baby gang e dalla conseguente malamovida che tutti i fine settimana presenta il proprio conto che parla di un costante aumento di tutti gli indicatori”.

 

“I fatti sconcertanti delle violenze sessuali della notte di Capodanno in Piazza Duomo o dell’aggressione agli agenti della Mobile rivelano come sia aumentato il livello dei reati – spesso compiuti con coltelli e cocci di bottiglia – dovuti soprattutto al lassismo di un’amministrazione comunale incapace di rispondere adeguatamente a questi raid lasciando, di fatto, campo libero alla micro criminalità” sottolinea Scurati.

“Come emerso si tratta, per lo più, di giovani stranieri e minori non accompagnati di orine magrebina provenienti anche da fuori Milano che, tra abuso di alcool e droghe, si uniscono alla movida fuori dai locali innescando risse per conquistare piccoli bottini ai danni di coetanei e postare, spesso, le ‘imprese’ sui social”.

“Milano è una città modello capace di competere a livello europeo sotto molti aspetti e non è accettabile che per colpa del buonismo della sinistra, e del sindaco Sala, sia diventata l’esempio negativo per tutto il Paese in termini di sicurezza e immigrazione. A Milano è urgente ripristinare la legalità”  conclude Scurati.

 

Articolo precedenteToscano Racing Team: weekend di gare nei campionati sprint e endurance
Articolo successivoProposte per l’accoglienza dei rifugiati ucraini a Magenta. Enzo Salvaggio parla già da ‘sindaco’….