Siccità e carenza idrica: l’assessore Rolfi incontra i vertici di ANBI Lombardia

    119

    MILANO –  Giovedì 20 febbraio ha avuto luogo un incontro tra URBIM-ANBI Lombardia e l’Assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi per condividere un percorso sull’individuazione di possibili fattori correttivi da applicare all’attuazione del Deflusso Ecologico al fine di garantire al mondo agricolo –  in momenti particolarmente critici, a fronte di condizioni climatiche anomale con molto caldo e scarsa pioggia –  acqua nei tempi e nelle modalità opportune.

    Durante l’incontro si è convenuto sulla necessità di convocare il Tavolo regionale per l’utilizzo in agricoltura della risorsa idrica per poter proseguire in modo coordinato la gestione delle problematiche connesse alla carenza d’acqua. Lo stesso tema è stato poi riproposto, dall’Unione regionale dei Consorzi di bonifica, in audizione alla VIII Commissione agricoltura del Consiglio regionale, riunitasi nello stesso giorno.

    Ci stiamo battendo per l’attuazione di misure ragionevoli a salvaguardia dell’agricoltura, dell’ambiente e del territorio in uno scenario che non si presenta certo rassicurante, se si considerano le sempre più frequenti crisi idriche, la progressiva riduzione della disponibilità di acqua per l’irrigazione e le stringenti norme in materia di deflussi minimi vitali” commenta il Presidente di URBIM-ANBI Lombardia Alessandro Folli.

     

    La recente Delibera di Giunta regionale sulla determinazione dei fattori correttivi da applicare all’attuale Deflusso Minimo per la sua trasformazione in Deflusso Ecologico si configura come una ulteriore riduzione della disponibilità idrica per il mondo agricolo, già in crisi. E’ urgente la definizione di procedure per l’approvazione di deroghe al Deflusso Ecologico durante i fenomeni siccitosi” conclude Folli.

     

    (fonte: comunicato stampa)

    Articolo precedenteDa Regione Lombardia 194 posti di lavoro
    Articolo successivoSan Giorgio su Legnano: soci di ACCAM ma non più clienti?