“Sguardi su Magenta”: un nuovo progetto di promozione turistica.

    96

    Protagonisti i ragazzi della scuola di grafica pubblicitaria del CFP Canossa e del Liceo ‘Salvatore Quasimodo’

    MAGENTA  – La promozione del territorio passa anche da progetti che coinvolgano il mondo delle scuole. E’ questo il senso dell’iniziativa “Sguardi su Magenta” progetto di alternanza scuola lavoro che coinvolge i ragazzi della scuola di grafica pubblicitaria del CFP Canossa e i colleghi del Liceo ‘Salvatore Quasimodo’. “E’ l’inizio – ha detto Marcello Mazzoleni coordinatore del progetto assieme ai docenti delle due scuole – di una collaborazione molto importante che va integrare i percorsi turistici cittadini (“Turista nella mia città”) che abbiamo lanciato con successo da qualche anno a questa parte”.  L’attività degli studenti è consistita nella realizzazione di pannelli informativi che saranno collocati in prossimità delle diverse ‘tappe’ che toccano la città dal prossimo mese di settembre. “Un modo – ha spiegato Mazzoleni – per far conoscere gli angoli meno noti di Magenta, ma non per questo meno belli”. Gli studenti del‘Quasimodo’ hanno seguito tutta la parte storica e linguistica (compresa la traduzione), mentre i loro ‘pari grado’ di grafica pubblicitaria si sono occupati di tutta la parte creativa. A completare il tutto anche il posizionamento di un ‘QR code’ che consentirà la lettura dei pannelli anche sul proprio smartphone.  “A settembre – ha ribadito  Mazzoleni – partiremo con i primi tredici pannelli riguardanti il Seicento e il Settecento in città. Dopodiché proseguiremo con i personaggi storici più famosi, quindi, toccherà alla Magenta industriale”. Un progetto di portata biennale che ha trovato entusiasti gli stessi giovani protagonisti.  “Qualche anno fa – ha aggiunto Valentina Milanta docente e titolare del centro studi Milanta – mi è capitato di conoscere e guardare Magenta con gli occhi della turista e devo dirvi che da allora mi si è aperto un mondo.

    Lo slogan delle nostre serate è chiaro ‘Spegni la TV e accendi i sensi’. E’ un modo tangibile per vedere ciò che di bello c’è attorno a noi”.

    L’iniziativa “Sguardi su Magenta” rientra, inoltre, a tutti gli effetti nel percorso di Scuola Impresa  che è approdato anche presso il CFP Canossa di Magenta come ha spiegato la responsabile Elisabetta Valsecchi. “Vogliamo attivare nelle scuole un modello d’impresa reale. I ragazzi qui da noi gestiscono tutto il problem solving, prendono la commessa e portano a compimento tutto il processo. Abbiamo avviato – ha aggiunto – la scuola impresa anche nel settore della grafica grazie alla Fondazione Ticino Olona e al Comune di Magenta.  Abbiamo sei scuole coinvolte in questo progetto e la stragrande maggioranza degli studenti si dicono soddisfatti”.

    La presentazione del progetto ‘Sguardi su Magenta’ ha visto la presenza di numerosi ospiti. Tra qui gli assessori comunali Paola Bevilacqua, Enzo Salvaggio, Simone Lonati e Marzia Bastianello. Per la Regione sono intervenuti gli assessori Luca Del Gobbo con Massimo Garavaglia.  “Expo – ha detto Del Gobbo parlando qui soprattutto come  ex sindaco di Magenta – non è stata un’occasione colta da questo territorio. Iniziative come questa va nella direzione di una migliore valorizzazione del nostro territorio. Se arriverà come tutti speriamo l’EMA (l’Agenzia Europea del Farmaco) a Milano avremo 7.000 camere ogni giorno prenotate, c’è una recettività da cogliere nella sua reale potenzialità”.  “La nostra regione – ha ricordato il collega Garavaglia – è quella che ha fatto registrare più presenze di turisti nell’ultimo anno rispetto al resto del Paese. Sempre nel 2016 abbiamo creato più di 100 mila posti di lavoro, anche qui l’occupazione creata nella nostra regione è superiore della sommatoria di tutte le altre. Ma dobbiamo fare ancora di più. Iniziative come questa – ha concluso Garavaglia – costituiscono un’opportunità anche per i licei e, più in generale, quelle scuole dove di norma l’alternanza non si fa”.

     

    Articolo precedenteLavori in corso lungo le sponde del Ticino, le modalità di transito lungo le Alzaie del Canale Scolmatore Nord Ovest
    Articolo successivoBià, la Lega Nord pancia a terra per Cesare Nai