‘Sezioni del Naviglio Grande’: una mostra a Robecco

    114

     

    Politecnico di Milano – Dipartimento di Architettura e Studi Urbani
    Comune di Robecco Sul Naviglio
    ProLoco di Robecco Sul Naviglio

    Presentano la MOSTRA Sezioni del Naviglio Grande

    Descrizione, scoperta e meraviglia di un paesaggio
    Una ricerca di Andrea Oldani
    18/09/2020 – 04/10/2020
    Palazzo Archinto – Biblioteca Comunale
    Via Matteotti 37
    Robecco Sul Naviglio 

    Inaugurazione mostra e presentazione del volume “Acque e paesaggi d’invenzione”
    Venerdì 18 settembre 2020 ore 21.00
    Via Matteotti 37
    Palazzo Archinto – Biblioteca Comunale

    La mostra restituisce una interpretazione di una parte del paesaggio del Naviglio Grande attraverso un percorso di lettura critica, condotto dall’autore mediante il ritmo lento del passo, il disegno, la mappatura, il rilievo in sezione e la fotografia. Il punto di partenza è rappresentato dal tentativo di riassumere il senso territoriale e paesaggistico di una infrastruttura, rispetto alla pluralità di componenti che la iscrivono in un insieme ambientale complesso.

     

    I materiali visivi chiariscono la natura del Naviglio Grande come manufatto tecnico, costruito a partire da una riflessione sulla conformazione morfologica del territorio da esso attraversato. Il canale appare come matrice insediativa; elemento centrale di un sistema a rete che ha innervato lo spazio agricolo e ha determinato la sua infrastrutturazione e colonizzazione; quindi come arteria vitale di un paesaggio che da esso deriva il suo carattere più riconoscibile. Emerge un paesaggio squisitamente umano, “inventato” attraverso una capacità progettuale in parte inconsapevole, che ha superato i limiti imposti dalle condizioni naturali a favore della movimentazione dell’acqua. Ciò è avvenuto in un’ottica plurifunzionale e inter-scalare che ha saputo fare interagire un sistema di ordine geografico con le componenti di scala urbana, sino a coinvolgere i manufatti minuti, attraverso l’applicazione di un modello replicato e replicabile.

    L’allestimento restituisce questa narrazione assumendo una valenza ampia nel suggerire un itinerario di riflessione sulla natura dell’acqua come componente umanizzata e materiale spaziale essenziale, da rimettere oggi al centro delle politiche e dei progetti con la stessa capacità di “invenzione” che ha contraddistinto la storia.

    In occasione dell’inaugurazione verrà presentato il volume dello stesso autore dal titolo “Acque e paesaggi d’invenzione. Descrizione, meraviglia e nuova interpretazione di infrastrutture dell’acqua” (Casa Editrice Libria, 2020) in cui è raccolta l’esperienza di ricerca presentata in mostra.

    Articolo precedenteEsplosione in un palazzo di Milano, 8 feriti
    Articolo successivoBalotta: ‘Troppe soppressioni di Trenord in Lombardia’