Sedriano FDI insorge: “Sei mesi buttati via per la consulta dei diritti degli animali”

    93

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO DA SEDRIANO – “Fratelli d’Italia si chiede a cosa sono serviti 6 mesi di tempo alla “consulta per la tutela dei diritti degli animali”, tanto voluta da questa Amministrazione con tanto di insulti da parte dell’Assessore di riferimento al nostro intervento di Dicembre 2017 che ritenevamo questa consulta, priva del Garante degli animali, inutile, la Consulta così come è stata creata non potrà incidere sull’Amministrazione facendo solo una pura funzione di consultazione dei problemi del Paese. Ad oggi dopo decine di incontri non è stato prodotto nulla al riguardo di tutela e diritti degli animali, nessuna delibera è mai passata in Consiglio Comunale, nessuna delibera è mai stata approvata da questa Amministrazione. Ci chiediamo quando riusciranno a partorire qualcosa che serva a migliorare la convivenza tra animali e cittadini o continueremo ad attendere invano.

    Al momento assistiamo a cani liberi in aree non adibite a loro, indifferenza e menefreghismo di alcuni padroni nel rispetto di un minimo di decoro urbano, mancanza di controllo da parte della Polizia locale nel far rispettare un minimo di senso civico ai proprietari di cani, arroganza e maleducazione di alcuni proprietari di cani, solo per il fatto di essere stati ripresi da cittadini che vogliono un minimo di rispetto ed educazione. Fratelli d’Italia invita l’Amministrazione a svegliarsi dal letargo invernale, i cittadini aspettano da anni quel cambio di passo promesso in campagna elettorale ma dimenticato una volta preso le rispettive poltrone, invitiamo la consulta a partorire qualcosa che serva a tutta la cittadinanza e che possa incidere su questa Amministrazione, al contrario ci chiediamo a cosa serva”.

     

    *Maurizio Mucciarelli

    Resp. Politico Fratelli d’Italia

    Articolo precedenteAncora un incidente sulla statale dell’est Ticino a Morimondo
    Articolo successivoDopo l’ennesima gazzarra all’ex Vincenziana. Gelli: ‘Adesso il Prefetto deve intervenire’