Saving Lasca: al via il progetto transnazionale Italia -Slovenia

    54

    Nei giorni scorsi, una delegazione del Fisheries Research Institute of Slovenia ha visitato l’incubatoio ittico in Fagiana e  quello di Varese nell’ambito del progetto transnazionale. 

    MAGENTA – Si chiama “Life Saving Lasca”, il progetto Life transnazionale cofinanziato dalla Comunità Europea che vede  il Parco del Ticino  e il Fisheries Research Institute of Slovenia lavorare insieme per  la conservazione di una specie ittica ormai quasi estinta: la Lasca.  Una specie ittica che vive nelle acque dolci dell’Italia Settentrionale e della Slovenia dove è considerata  vicina all’estinzione. In Italia, e in particolare nel Ticino, il programma di riproduzione artificiale messo a punto dal Parco del Ticino grazie ad una delle azioni previste nel progetto LIFE CON.FLU.PO., anch’esso finanziato dalla Comunità Europea e di cui Regione Lombardia  è coordinatore e  che ha tra i partner proprio l’Ente magentino,   sta ottenendo importanti risultati.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Uno studio, comprendente analisi genetiche, condotto con approccio multidisciplinare tra il 2015 e il 2016 dai tecnici dell’Istituto sloveno ha appurato sia  la bontà della tecnica di  riproduzione artificiale della Lasca messa a punto dal Parco, sia la possibilità di utilizzare esemplari provenienti dal Ticino per la reintroduzione in acque slovene, tanto da chiedere la collaborazione al Parco  per riproporre l’esperienza oltre confine.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    In questi giorni un gruppo di tecnici del Fisher Reaserch Institute guidato dalla responsabile Kaja Plibersek è  stato a Pontevecchio di Magenta  per visitare  l’incubatoio ittico  nella Riserva della Fagiana.  Il progetto Life Saving Lasca prevede infatti che la riproduzione della specie venga fatta dal Parco del Ticino – che si avvarrà della collaborazione dell’incubatoio ittico di Somma Lombardo della Fipsas di Varese con cui è stato raggiunto un accordo – e che seguirà poi la loro reintroduzione  nel bacino del fiume Vipava in Slovenia.  Tra il mese di maggio  e giugno, inoltre, un tecnico sloveno sarà a Magenta per seguire la fase di riproduzione della Lasca e  acquisire le necessarie conoscenze così che  la metodologia possa  in futuro essere esportata  anche in Slovenia.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    “Procede con grande slancio l’opera di internazionalizzazione del Parco del Ticinocommenta il Presidente del Parco, GianPietro Beltrami – . Il progetto  Life con gli amici sloveni è il primo esempio di attività internazionale spontanea, una strada che il nostro Ente  è intenzionato a riproporre in futuro.  Mi piace ricordare come questa  collaborazione sia nata dalla richiesta del  Fisheries Reaserch Institute al nostro Settore faunistico, che non ha esitato a mettere  a disposizione  le proprie conoscenze e  capacità. E questo è motivo di vanto per il Parco del Ticino ”.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    GLI OBIETTIVI PRINCIPALI DEL LIFE SAVING LASCA:

    –   Creazione dello stock di Lasca dell’Europa meridionale in Slovenia, come fonte di novellame per la reintroduzione

    –    Rilascio di almeno 150.000 esemplari nei corsi d’acqua del fiume Vipava, prevedendo circa 500 esemplari rilasciati con successo entro il 2021

    –   Redazione di un piano d’azione per la conservazione della Lasca nell’Europa del sud, sua verifica e adozione ufficiale da parte delle autorità competenti

     

    L’attività ittiologica che comprende anche importanti  aspetti di sperimentazione – aggiunge il consigliere delegato Fabrizio Fracassi – ha ottenuto risultati  eccellenti  e la collaborazione con l’Istituto sloveno ne è la conferma. Alla luce di ciò, riteniamo importante proseguire questo scambio di informazione  tra Enti di diversi Paesi Europei, uno strumento ulteriore di crescita e miglioramento”.

     

     

     

    Articolo precedenteIn ASM stage degli studenti dell’Istituto Einaudi
    Articolo successivoBusto Garolfo: grave ma fuori pericolo di vita l’albanese ferito ieri sera