Saor Patrol e Gamba de Legn: un Insubria Festival (come sempre) con grandi musicisti

    16

     

    MARCALLO – Ogni anno, a cadenza fissa, torna a Marcallo un appuntamento che ci rammenta le radici profonde (che Tolkien ha insegnato essere quelle che ‘non gelano’) del territorio nel quale viviamo.

    L’Inusbria Festival, organizzato dall’associazione Terra Insubre e dai tanti appassionati al genere, torna da domani al 29 aprile nella immancabile cornice del parco Ghiotti.

    Assieme alle conferenze, alle rievocazioni delle battaglie, ai campi riorganizzati fedelmente e riproposti come secoli e secoli fa, la parte del leone la fa sicuramente la proposta musicale.

    Almeno due (ma in realtà tutte le sere offrono spunti artistici interessanti) i concerti da non perdere: giovedì 26 quello dei Saor Patrol e venerdì 27 quello dei Gamba de Legn.

    Entrambi dopo le 21.

    La cornamusa, considerata strumento nazionale, accompagna le note di un gruppo che con la sua grinta e con i suoi tamburi sa farci respirare ogni volta l’aria della Scozia, quella vera: gli Saor Patrol.

    Dal gaelico, il nome di questo gruppo letteralmente significa “la pattuglia della libertà” (saorsa è la parola gaelica che indica il concetto di libertà). Questo perché non si tratta di un gruppo meramente musicale: gli Saor Patrol (Clanranald Trust for Scotland) sono portatori culturali di una tradizione antica che ha bisogno di impegno e dedizione per sopravvivere. Dal 1996 il progetto è quello di realizzare un forte celtico (DunCarron) nei pressi di Edimburgo, per poter trasmettere a tutti e soprattutto ai più giovani l’amore per il proprio passato. Fortificazione che in questo momento è terminata nel suo perimetro, nella reception, nei bagni, nel parcheggio.

    Il gruppo  partecipa da numerosi anni a  film di notevole importanza come Brave Heart,
    Il Gladiatore, Rè Artù e l’ultimo Robin Hood.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Originari della piccola città di Kincardine, la band- il cui nome di pronuncia Shore Patrol- propone brani strumentali e suonati mediante tamburi, chitarra elettrica e cornamusa. Tutti i membri del gruppo sono volontari de The Clanranald Trust for Scotland, un’associazione no-profit riconosciuta in Scozia che divulga la cultura ed il patrimonio scozzesi tramite l’intrattenimento.

    Venerdì 27 torneranno invece sul palco i Gamba de Legn di Giovanni Parini: la band che diffonde da decenni il patrimonio culturale del dialetto milanese compie 31 anni, essendo stata fondata nel 1987 a Corbetta, e si troverà pienamente a suo agio in una festa che celebra la rilevanza assoluta della Tradizione.

    Insubria Festival, ogni anno, significa sfidare la deriva modernista che ci vorrebbe tutti apolidi, senza radici, appartenenze e storie da difendere. Mentre non è ASSOLUTAMENTE così..

     

    F.P.

    Articolo precedentePedala la tappa young, 130 ragazzi in bicicletta ad Abbiategrasso
    Articolo successivoTrattativa Stato-Mafia. C’era una volta il Diritto (2)