Santo Stefano Ticino: lo studio linguistico di Jennifer Jean Lowe

    132

    SANTO STEFANO TICINO –  Non tutte le scuole d’inglese sono uguali. Soprattutto non è uguale il livello di preparazione che viene impartito agli studenti, così come l’approccio metodologico e l’offerta formativa. Nel caso della School of English della dott.ssa Jennifer Jean Lowe abbiamo trovato una sorta di bottega sartoriale, un luogo dove si modella sullo studente il percorso didattico più adatto.  L’abbiamo incontrata nei giorni scorsi nella nuova e più spaziosa sede di via Trieste 21/b a Santo Stefano Ticino.

    La storia di questo studio linguistico ha radici profonde. Un’ attività che inizia nel 1996 a Corbetta, poilo spostamento a Santo Stefano Ticino nel 2001 e, solo poche settimane fa, in marzo, l’apertura della nuova ampliata sede.  Il curriculum della dott.ssa Lowe parla da solo. Madrelingua inglese, dopo gli studi universitari in traduzione ed interpretariato a Milano, ha proseguito con la specializzazione in Lingua e Linguistica presso la rinomata università di Lancaster. Particolarmente attiva nel campo della ricerca accademica – interviene regolarmente a conferenze internazionali e tiene seminari a livello universitario e non – è membro del team internazionale di ricercatori indipendenti della Cambridge University Press e conduce studi su cui poi si basano i materiali pedagogici utilizzati nell’insegnamento della lingua inglese.  Perciò un percorso formativo più che solido, così come grande attenzione viene riposta sul livello dei collaboratori del centro. “Attualmente collaborano con me altri tre docenti. Per noi la selezione del personale è essenziale, su questo siamo molto scrupolosi.”

    Questo è uno dei tratti distintivi di questa scuola, oltre alla scelta di favorire la qualità rispetto alla quantità “Vogliamo garantire l’eccellenza, ma per far questo si deve lavorare su piccole classi composte al massimo da 6 o 7 studenti”. L’altro ‘asset’ strategico è la trasparenza,il non vendere fumo, magari a costo di non essere sempre competitivi a livello economico. “I motivi per imparare una lingua sono molteplici: superare un esame, saper affrontare un colloquio di lavoro o per diletto–eda noi lo studente resterà soddisfatto, qualsiasi siano le sue esigenze”.  Lo slogan “una scuola per studenti dai 7 ai 70 anni”, riassume bene il vasto pubblico a cui si rivolge questa scuola d’inglese, che è anche Centro Preparazione Esami Cambridge autorizzato. “Teniamo corsi per professionisti, aziende locali e multinazionali  – racconta la prof.ssa Lowe – ma anche per universitari e studenti di ogni livello. E poi perché no, anche per pensionati che vogliono conoscere questa lingua, oggi ormai indispensabile anche solo per consultare una ricetta di cucina su internet!”.

    Assai elastico anche l’orario. Tutti i giorni dal lunedì al sabato, dalla mattina fino alla sera. “Anche qui l’obiettivo è quello di cercare di andare incontro alle esigenze di chi deve conciliare i propri interessi con una vita sempre più frenetica e impegnata”. Venendo alla metodologia d’apprendimento, la docente pone in evidenza l’importanza di individuare la metodologia più adatta ed efficace a seconda delle necessità dello studente. “Oggigiorno sembra quasi che insegnare anche la grammatica sia una pratica superata, ma sarebbe come pretendere di pilotare un aereo, senza conoscere i vari comandi che lo governano. Ovviamente la grammatica da sola non è sufficiente, ma serve per padroneggiare la lingua.”.

    A questo proposito, va detto che le proposte spesso sono originali e accattivanti. Come quella del prossimo sabato 1° giugno, quando,con la collaborazionedi un mago professionista, sarà organizzato un vero e proprio workshopdi inglese e magia per ragazzi dagli 8 ai 12 anni. Il laboratorio si terrà dalle ore 14.00 alle 17.15 e gli studenti saranno divisi in gruppetti di massimo 6/8partecipanti. Le iscrizioni sono aperte.

    Già nel 2014 la dott.ssa Lowe ha ideato l’innovativo campus estivo “English in the garden”, un autentico campus all’aria aperta, dove si apprende l’inglese a contatto con la natura attraverso svariate attività ludiche. Quest’anno è prevista una pausa per rinnovo del giardino dove si svolge il campus, ma l’iniziativa riprenderà l’anno prossimo.

    E’la prospettiva ribaltata di questi workshop e campus che è davvero interessante. Perché lo scopo non è solo apprendere la lingua inglese, ma utilizzarla per fare altro. Che è poi il vero motivo per cui s’impara una lingua. (I.P.)

    Per ulteriori informazioni www.jenniferlowe.it  info@jenniferlowe.it

    Tel. 0297270854

    Articolo precedenteLegnano: Cozzi interrogato risponde a domande Gip
    Articolo successivoFratus respinge le accuse: “Non erano nomine pubbliche”