Sanremo/2: scusateci, ma noi preferiamo il Califfo ad Achille Lauro (VIDEO)

    61

     

    Caro Franco,
    sono certo che mentre il tizio evoluiva sullo stesso palco che tu calcasti nel 1988 ce stavi sicuramente a prova’ co na bella pischella der paradiso, che t’avvvraa detto “a Califfo, pure qui ce stai a prova’?? A fa’ er lumacone??”

    E tu, bello come il sole, je avrai risposto “a bella de Franco tuo, io ce devo prova’ pe contratto, come dissi la prima volta a Mia Martini, penso fosse er settantotto, o er settantanove..”

    Continua pure, imperterrito, a fare strage di cuori. A sedurre la principessa Elmi con una chitarra, uno sguardo, un pacchetto di Marlboro e un whisky liscio.

    Continua, che qui se sta a scassa’ tutto quanto. Tutto quanto.. E te pareva che se mettevano na camicia, na giacca e na cravatta…se vestono da pajacci, scrivono da pajacci, cantano da pajacci. Manco più scopano, mo’ vanno forte ‘le lotte alle disuguaglianze di genere’

    ‘Ma che so, Fabbri?’

    ‘Pajacciate Franco, Pajacciate. Te vai pure avanti a scopa’… ‘

    ‘ Mai smesso Fabbri, mai smesso… ‘

    ‘ Mai detto o pensato er contrario.. ‘

    F.P.

    IO PER LE STRADE DI QUARTIERE
    SANREMO 1988 – FRANCO CALIFANO

    Io, che andavo per le strade di quartiere
    Io, con un penale tutto da pulire
    Io, che non la davo vinta neanche morto
    Io, che mi hanno sempre tolto il passaporto…
    Io, le donne mille corpi e nessun cuore
    Io, che ormai mi stavo già lasciando andare
    Io, di notte in giro il re dei disperati
    Io, che ho riso sempre degli innamorati…
    Ma adesso ci sei tu, qui con me
    Ed io non rido, ma al contrario vivo te
    Ora che ci sei tu, che ci sei
    Prendo il momento come meglio non potrei…
    Io, coi guai che mi potevano far male
    Io, a vivere ma senza respirare
    Io, con tanto di passato da scordare
    Io, un uomo nuovo tutto da scoprire…
    Adesso ci sei tu, qui con me
    Se mi vien voglia di cantare, canto te

     

     

     

     

     

    Articolo precedenteSanremo, Thomas Colombo e Max Ilardi: è ‘social ironia’
    Articolo successivoINSIDE – Perché Olivares è una risorsa per Abbiategrasso, perché chi critica la scelta è un provinciale, perché Nai dovrebbe ‘rimpastare’ ancora. Tranquilli, in piazza Marconi non è arrivato Attila