Sanità, sei arresti per corruzione a Milano

    65

     

     

    MILANO –  Quattro primari, un imprenditore e un dirigente sanitario di strutture ospedaliere milanesi sono stati arrestati nell’ambito degli sviluppi dell’inchiesta che aveva portato in carcere il professor Norberto Confalonieri, primario di ortopedia del Cto-Pini. Al centro dell’indagine, condotta dai procuratori aggiunti della Procura di Milano Eugenio Fusco e Letizia Mannella, c’e’ l’accusa di corruzione.

    In dettaglio, il gip Maria Teresa Pascale ha mandato ai domiciliari due primari del Gaetano Pini, Giorgio Maria Calori, primario della divisione di Chirirgia Ortopedica Riparativa, e Carmine Cucciniello, direttore dell’unità operativa di ortopedia, altri due dell’ospedale Galeazzi, Lorenzo Drago, direttore del laboratorio di analisi, Carlo Luca Romanò, responsabile del centro di chirurgia ricostruttiva. Arresti domiciliari anche per Paola Navone, direttore sanitario dello stesso ospedale Gaetano Pini. Si sono invece aperte le porte del carcere per l’imprenditore Tommaso Brenicci, titolare della Eon Medica Srl, società di Monza specializzata nella produzione e commercializzazione di attrezzature mediche ospedaliere.

    Articolo precedenteCorbetta, le meridiane di Vincenzo Vaiana in mostra
    Articolo successivoRobecco: sabato la Giornata del Verde Pulito