Sanità/Pavia: Iil dottor Luca Ansaloni alla guida della Chirurgia Generale 1 del Policlinico San Matteo

    41

    PAVIA –  Luca Ansaloni, 57 anni compiuti lo scorso marzo, dal 1 ottobre è alla guida della Chirurgia Generale 1 del Policlinico San Matteo; una delle 21 strutture complesse convenzionate con l’Università di Pavia e, conseguentemente, affidata alla Direzione di Docenti Universitari.
    Il neo direttore, fino ad oggi, era al timone della Chirurgia Generale e d’Urgenza dell’Ospedale “M. Bufalini” di Cesena, si è laureato all’Università di Bologna nel 1989, ha poi conseguito la specializzazione in Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso nel 1994.
    Ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo sia in Kenya che nel Regno Unito.
    Dal 1990 al 1997 ha operato all’estero, maturando esperienze professionali significative negli ospedali dell’Uganda (Kalongo Hospital) e del Kenya (Sololo Mission Hospital e Nazareth Hospital).
    Dopo aver conseguito il diploma in Medicina Tropicale ed Igiene presso l’università di Liverpool è tornato in Italia, dove ha lavorato come dirigente medico di Chirurgia generale a Chioggia e a Lugo (Ravenna) e, successivamente, all’Unità di Chirurgia Generale, d’Urgenza e dei Trapianti del Sant’Orsola di Bologna, dove è diventato Direttore di Struttura Semplice di Urgenza Chirurgica.
    Dal 2010 al 2018 ha coperto la carica di Dirigente Responsabile dell’Unità di Chirurgia I dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

    E’ autore di oltre 500 pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali (di cui 348 indicizzate su PubMed) e membro di numerose società scientifiche nazionali ed internazionali: in particolare, è stato fondatore e presidente della World Society Of Emergency Surgery (WSES) ed è stato presidente della Società Italiana di Fisiopatologia Chirurgica (SIFIPAC).
    Nel 2018 ha ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale a professore universitario di prima fascia in Chirurgia generale.
    Ha all’attivo oltre 5.000 interventi di cui oltre 4.000 eseguiti come primo operatore o tutor.

    Contributo tratto dal sito partner www.vigevano24.it

    Articolo precedenteProgetto Magenta: il nostro contributo all’ultimo Consiglio comunale
    Articolo successivoMagenta: chiusa con successo la mostra ‘Abito dunque indosso’. Un segnale contro il degrado