Sanità: la Vice Presidente Moratti garantisce. “Limitato l’impatto delle tessere sanitarie senza chip in Lombardia”

210

LOMBARDIA – ‘Su 18mln accessi a fascicolo elettronico solo 2,3% via Cns, al lavoro su nuovo servizio per medici e cittadini conservino vecchie carte’

“La scelta del ministero dell’Economia e delle finanze di emettere la Carta nazionale dei servizi senza chip è dovuta a una oggettiva carenza a livello internazionale dei materiali per la loro costruzione. Dal punto di vista dell’accesso ai servizi sanitari degli utenti, l’impatto è abbastanza circoscritto. Dei 18 milioni di accessi al Fascicolo sanitario elettronico registrati quest’anno in Lombardia solo il 2,3% è stato effettuato attraverso la Cns”.

 

 

A sottolinearlo  è Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia che spiega anche come verrà gestito il nuovo corso.

“L’Identità digitale Spid e la Carta d’identità elettronica sono valide alternative già utilizzabili e utilizzate. Inoltre – annuncia Moratti – è prevista entro l’anno la realizzazione di un nuovo servizio che consentirà al medico prescrittore la consultazione delle esenzioni dell’assistito lombardo attraverso il semplice inserimento del numero della tessera sanitaria”.

Moratti rinnova un invito ai cittadini: “L’indicazione è nel frattempo di conservare la vecchia tessera con il chip, in modo eventualmente da poterla utilizzare, seguendo le indicazioni del Mef per l’aggiornamento del software”, conclude

Articolo precedenteGas: Coldiretti, con il caro energia il prezzo dell’acqua sale dell’11%
Articolo successivoDesign by Dacia, quando l’essenziale è cool