San Vittore Olona, Villa Adele: quella cura del verde da sistemare

    78

    SAN VITTORE OLONA – C’è una biblioteca ricolma di libri a misura di ogni gusto ed età chiamata “Villa Adele“. Vi è, tutt’intorno a essa, un parco tenuto come un gioiellino con una bella fioritura di verde e di panchine che suggeriscono tranquillità e armonia e invitano alla fruizione. Ma, in tutto questo quadro idilliaco, lo spazio del tempio dei libri di San Vittore Olona una macchia nera l’annovera. Accade infatti che su un lato il verde sporga troppo sul marciapiede rischiando di vanificare la bellezza che vi è all’interno.

     

    Certo, si dirà, si tratta della parte esterna e per fruire della biblioteca e del parco ci si deve incuneare all’interno. Ma quel verde che dà sulla strada dall’interno frutto del fiorire inevitabile della vegetazione, a parte la non esemplarità estetica, rischia poi di rivelarsi fonte di pericolosità. Chi si trovasse a passare per quel tratto, con qualche sporgenza dall’alto dalle piante, potrebbe vedersi il verde negli occhi. Non proprio la quintessenza della piacevolezza.

    Peccato davvero perchè sarebbe sufficiente poco per riportare quel verde a dimensioni di godibilità realizzando un’armonizzazione tra esso e l’interno parco-biblioteca che invece è tutto un manifesto di gradevolezza. Con la consapevolezza che mantenere il verde fa bene al verde medesimo e a chi ne gode.

    Cristiano Comelli

    Articolo precedenteCerro Maggiore riabbraccia Suor Angela Paleari
    Articolo successivoMagenta, Laura Cattaneo nuovo assessore. Ticino Notizie ci ha preso (ancora una volta..)