San Biagio: rispettata la tradizione. E domenica si corre la Stramagenta

    72

    Nel fine settimana ancora tanti appuntamenti. Su tutti la gara podistica giunta alla sua quarta edizione

    MAGENTA –  La Fiera di San Biagio è un appuntamento fisso per i Magentini. E’ stato così anche oggi, malgrado la pioggia battente della mattinata, che ha scoraggiato in parte il pubblico. Nel pomeriggio, complice un miglioramento delle condizioni meteo, il maggior afflusso alla fiera, che con le sue bancarelle ha “invaso” il centro storico. Ma San Biagio per i Magentini significa anche e soprattutto trippa e bacio della reliquia. Un vero e proprio rito, quello di assaporare il tipico piatto lombardo.

    Bar e trattorie all’ora di mezzogiorno si sono riempiti di avventori che hanno mantenuto fede alla antica consuetudine. Così come in molti, incuranti della pioggia, si sono messi compostamente in fila per il bacio della reliquia di San Biagio custodita presso l’Istituto della Madri Canossiane e la successiva pesca benefica.

     Scene che si ripetono di anno in anno, a rimarcare lo spirito intatto di una comunità. Come l’immancabile tendone di piazza Liberazione dove gli Alpini, quest’anno in collaborazione con il Circolo Culturale sardo hanno proposto questo inconsueto abbinamento: trippa con seadas di formaggio con scorza d’arancia. San Biagio ha sempre i suoi riti. L’altro è quello della benedizione dei panettoni, andato in scena sul sagrato della Basilica. Un momento dedicato soprattutto ai più piccoli con la presenza del gruppo di rievocazione storica Borgo Pontenuovo.

    Quest’anno, questa festività molto sentita in tutto il territorio, è stata l’occasione anche per rilanciare il “Dolce di San Martino” una “creazione” culinaria fortemente voluta dal Prevosto don Giuseppe Marinoni. Perché con il ricavato della vendita si va a sostenere il progetto dell’ambulatorio dell’associazione “Non di solo Pane”. Anche ieri è stato possibile contribuire a questa bella iniziativa solidale con il dolce messo in vendita a scopo benefico in diversi luoghi della città. San Biagio, intanto, non si ferma. Già perché ogni anno la Fiera si “allunga”.

    Così domani mattina nuovo appuntamento enostramagenta2gastronomico, stavolta, con i produttori del Parco del Ticino sotto il tendone di piazza Liberazione. A farla da padrone sarà il “risotto della battaglia” abbinato a composte di miele, salumi e formaggi.

    Quindi, domani sarà la volta dell’atteso appuntamento sportivo con la quarta edizione della StraMagenta. Il ritrovo è dalle 8 in avanti nei pressi del Palazzetto dello Sport di piazza Mercato. Da qui a scalare partiranno le diverse batterie in corsa: “Family Run”, gara competitiva e non competitiva che si cimenteranno su distanze dai 3km fino ai 10 km. Quindi, finale ancora con la Sardegna protagonista. Sempre in piazza Liberazione, infatti, verrà servito un menù a base di gnocchetti sardi, formaggio pecorino e seadas.16426020_10211953951988625_6369778838964640185_n16387924_10211927035589442_6164962931124974201_n16426081_10210367952368349_8773321113573390807_n

    Articolo precedenteLe nuove stelle del Wrestling in azione domani a Pavia
    Articolo successivoRadici in crescita, romanzo breve di Ivan D’Agostini- 3 febbraio