San Biagio e politica: è iniziata la campagna elettorale

    77

    MAGENTA –  Manca meno di un mese alle elezioni del 4 Marzo – in Lombardia si voterà non  solo per il Pirellone, ma anche per le Politiche – e quindi, quale migliore occasione per farsi vedere, della fiera di San Biagio, che quest’anno (favorevole coincidenza) cadeva di sabato? E, infatti, il nugolo di politici ‘calati’ in città è stato davvero rilevante.  Dietro al candidato presidente del centrodestra alle Regionali Attilio Fontana, non si sono (solo) visti i ‘soliti’ rappresentanti dell’est Ticino nelle istituzioni (dicasi gli Assessori regionali uscenti Luca Del Gobbo e Massimo Garavaglia) ma abbiamo assistito ad una vera e propria ‘invasione’. Tutti a caccia di voti e di consensi. Fratelli d’Italia ha calato il poker: Riccardo De Corato ricandidato al Consiglio regionale, i fratelli Ignazio e Romano La Russa, accompagnati dal dirigente territoriale Umberto Maerna (non candidato). Per Forza Italia, c’era l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera con i suoi pretoriani locali, (Sgarella, Cattaneo, Morani e Cantoni),  quindi, l’Assessore regionale allo Sport uscente Antonio Rossi. L’olimpionico pluridecorato è uno degli elementi di spicco della lista che sostiene il presidente Fontana. Nutritissimo, infine, il plotone locale del Carroccio. La Lega Nord, anche questa volta punta forte sul territorio. Accanto al rhodense Fabrizio Cecchetti, vice presidente del Consiglio regionale,  pronto a staccare un biglietto per Roma, c’erano il sindaco di Boffalora Curzio Trezzani, che ha ottime chance di entrare in Consiglio regionale, con Silvia Scurati vice sindaco a Corsico e consigliere comunale a Bareggio. Con loro, il segretario provinciale della Lega Nord e sindaco di Legnano Gianbattista Fratus (non candidato).  Insomma, difficile quasi impossibile, rivederli ancora riuniti tutti assieme. Hanno attraversato in processione la fiera di San Biagio, per poi fare tappa per una visita all’istituto delle Madri Canossiane. Infine, l’aperitivo  con i ‘paisan‘  in via Don Milani, dove erano concentrati i mezzi agricoli e gli stand a chilometro zero.  Tutto bello, bellissimo. Speriamo di vederli sempre così attenti e presenti anche quando saliranno, chi di nuovo in Regione, chi in Parlamento. Su alcuni di loro siamo tranquilli, su altri (sinceramente) un po’ meno…

    F.V.

    Articolo precedenteL’orfano espiatorio. Razzismo, Macerata, sinistra e Cartier. Di Emanuele Torreggiani
    Articolo successivoRobecco, la serata con ‘Spintatotale’ Marco Bonfiglio